Classificazioni delle difficoltà escursionistiche


Conoscete la classificazione delle difficoltà escursionistiche?

.
Ecco la classificazione dei sentieri di montagna:

E' uscito "Alla scoperta dei rifugi delle Dolomiti" stupenda guida targata Volpi del Vajolet per scoprire i rifugi più belli delle Dolomiti con la possibilità di inserire il timbro del rifugio!!! 

Acquistala subito su Amazon sul link qui sotto:


.

T   itinerario escursionistico turistico.
Itinerario di ambito locale su stradine pedonali, mulattiere o evidenti sentieri che non porgono incertezze o problemi di orientamento. Si svolgono in genere sotto i 2000 metri. Richiedono una certa conoscenza dell'ambiente montano e una preparazione fisica alla camminata.

E   escursionistico.
Itinerari che si svolgono quasi sempre su sentieri oppure su tracce di passaggio in terreno vario, (pascoli, detriti, pietraie). Si sviluppano a volte su terreni aperti, senza sentieri, ma non problematici, sempre con segnalazioni adeguate. Possono svolgersi su pendii ripidi. I tratti esposti di solito sono in genere protetti (barrierie o cavi). Possono avere singoli passaggi su roccia, non esposti, o tratti brevi e non faticosi né impegnativi grazie ad attrezzature (scalette, pioli o cavi) che però non necessitano l'uso di equipaggiamento speciale (imbragatura, moschettoni). Richiedono un certo senso di orientamento, come pure una certa esperienza e conoscenza del territorio montagnoso, allenamento alla camminata, oltre a calzature ed equipaggiamento adeguati.

E' finalmente uscito il Volume 2 di "Alla scoperta dei rifugi delle Dolomiti". Non fartelo scappare, scopri nuovi itinerari e rifugi da raggiungere.

Acquistala subito su Amazon sul link qui sotto:


EE    per escursionisti esperti.
Si tratta di itinerari generalmente segnati ma che implicano una capacità di muoversi su terreni particolari: sentieri o tracce su terreno impervio o infido (pendii ripidi o scivolosi di erba, o roccia e detriti); terreno vario a quote relativamente elevate (pietraie, brevi nevai non ripidi, pendii aperti senza punti di riferimento); tratti rocciosi con lievi difficoltà tecniche. Rimangono invece esclusi i percorsi sui ghiacciai. Necessitano: esperienza di montagna in generale e buona conoscenza dell'ambiente alpino; passo sicuro e assenza di vertigini; equipaggiamento e preparazione fisica adeguate.

EEA   per escursionisti esperti con attrezzature.
Itinerario che conduce l'escursionista e alpinista su pareti rocciose o su aeree creste e cenge preventivamente attrezzate con funi e/o scale senza le quali procedere costituirebbe una vera e propria arrampicata. Richiede adeguata preparazione ed attrezzatura di auto-assicurazione obbligatoria.
Premi qui per scoprire quanto costa un intervento del soccorso alpino.
E' uscito "Alla scoperta dei rifugi della val di Fassa" stupenda guida targata Volpi del Vajolet adatta sia per chi è tra le prime volte che viene in valle sia per chi vuole avere in un unico punto uno spazio per inserire i timbri di tutti i rifugi!!! 

Acquistala subito su Amazon sul link qui sotto:

.

Commenti

Post più popolari