Escursioni sulla neve in Veneto: 6 idee per un trekking

 Escursioni sulla neve in Veneto: 6 idee

Fare un'escursione sulla neve in inverno è sicuramente piacevole che porta a camminare in un ambiente unico dal paesaggio mozzafiato. Vediamo 4 trekking da fare sulla neve in Veneto.


Fare escursioni sulla neve in Veneto, tra le Dolomiti e Prealpi, è sicuramente un'ottimo modo per godersi una giornata d'inverno. In questo post vediamo 6 escursione sulla neve in Veneto relativamente facili. Spesso questi itinerari sono anche battuti e quindi bastano semplicemente un paio di ramponcini se non è presente neve fresca, altrimenti sono ottimi percorsi da fare con le ciaspole. 

Ovviamente ci si trova in montagna e bisogna considerare che si è in un ambiente potenzialmente pericoloso, dove ci si può bagnare e dove le temperature possono scendere molto sotto lo zero, rischiando l'ipotermia. Bisogna quindi partire consapevoli del percorso che si vuole fare, vestendosi nel modo adeguato e con la giusta attrezzatura e valutando se durante il percorso possa esserci un pericolo valanghe, senza addentrarsi fuori dai percorsi battuti.

  90 escursioni e 175 rifugi delle Dolomiti da visitare, con le tracce GPX da scaricare direttamente dalla guida e lo spazio per il timbro del rifugio!!!  Tutto questo solo con i tre volumi di "Alla scoperta dei rifugi delle Dolomiti"!

Li trovi su Amazon premendo l'immagine qui sotto!


1) Rifugio Carestiato da passo Duran - Agordino

L'escursione al rifugio Carestiato, ad Agordo, è un facile itinerario nell'agordino da fare sia in estate che in inverno nelle Dolomiti Bellunesi.Se si vuole avvicinarsi al mondo delle escursioni con le ciaspole il rifugio Carestiato sulle Dolomiti Agordine è la meta giusta. Infatti l’escursione è abbastanza facile e il dislivello minimo rende quest’itinerario un’ottima palestra per imparare ad usarle. Anche se l’escursione è facile, il panorama che si può scrutare è di altissima qualità.


2) Rifugio Città di Carpi - Misurina


L'escursione al rifugio Città di Carpi è un escursione da fare a Misurina relativamente facile, ma dall’alto contenuto paesaggistico. Il panorama che offre questo itinerario è davvero sbalorditivo, su tutte le Dolomiti Bellunesi


Partendo da Misurina, fin da subito, si possono ammirare uno dei simboli delle Dolomiti: Le tre Cime di Lavaredo che si specchiano nel lago di Misurina. Un altro gruppo Dolomitico che si può ammirare fin da subito è il Cristallo. Inoltre, dopo la salita iniziale, si apre uno strabiliante panorama su tutto il gruppo del Sorapis che sembra quasi di toccarlo. L’escursione che sale al rifugio Città di Carpi è abbastanza semplice per via del ridotto dislivello, che può essere ulteriormente diminuito, quasi azzerandolo, se si sale al rifugio Col de Varda con la seggiovia. 



3) Rifugio Padova - Cadore


Il rifugio Padova è una classica escursione in Cadore da fare, particolarmente affascinante in inverno con la neve.

Raggiungere il rifugio Padova e il rifugio Cercenà sulle Dolomiti del centro Cadore è un itinerario di media difficoltà in estate ma che in inverno con la neve può considerarsi medio difficile. Seppur il dislivello positivo non è molto, 700 mt, la lunghezza totale tra andata e ritorno raggiunge quasi i 16 km. Il percorso non presenta grosse difficoltà tecniche, si percorrono principalmente strade di montagne e sentieri senza tratti esposti. 



  90 escursioni e 175 rifugi delle Dolomiti da visitare, con le tracce GPX da scaricare direttamente dalla guida e lo spazio per il timbro del rifugio!!!  Tutto questo solo con i tre volumi di "Alla scoperta dei rifugi delle Dolomiti"!

Li trovi su Amazon premendo l'immagine qui sotto!


4) Monte Ekar ad Asiago


Raggiungere la cima del monte Ekar è una bella e facile escursione ad Asiago. Si può fare sia in estate che in inverno con la neve, facendo una bellissima ciaspolata. L’escursione al monte Ekar è una classica e facile camminata sulla neve che si può fare ad Asiago ed è una delle tante passeggiate da fare sull’Altopiano di AsiagoLa camminata è facile. La lunghezza totale del percorso è di 7 km con uno sviluppo di 300 metri di dislivello positivo. La camminata è priva di pericoli in quanto si percorrono morbidi pendii e strade forestali. In inverno, se è nevicato da poco e c’è neve fresca, occorrono le ciaspole, altrimenti se il sentiero è abbastanza battuto bastano i ramponcini da agganciare agli scarponi.


5) Rifugio Ardosetta in Monte Grappa


Raggiungere il rifugio Ardosetta da Madonna del Covolo lungo il sentiero 105 detto appunto “La mulattiera del Covolo” è una bella scarpinata da fare in Grappa.  Una delle escursioni che partono da Madonna del Covolo e che in circa 3 ore porta al rifugio Ardosetta.  La Mulattiera del Covolo è una ex mulattiera della Prima guerra mondiale che sale poco ripida in maniera costante, questo fa sì che per fare i 900 mt di dislivello ci si impiega più tempo.

6) La strada delle Penise e il rifugio Alpe Madre sul monte Grappa.



La strada delle Penise è una facile escursione da fare sul monte Grappa. Un percorso facile, ma davvero bello. Si percorrere la splendida e panoramica “Strada delle Penise” fino a raggiungere il rifugio Alpe Madre e subito dietro il col Fenilon. “Strada delle Penise”, significa letteralmente “strada delle pendici” in quando percorre le pendici pratose dei colli Alti rivolte verso la val Brenta. La camminata è facile, il dislivello totale è 300 metri scarsi e, vista la lunghezza di 6 km per raggiungere il rifugio Alpe Madre, il sentiero si sviluppa in maniera molto dolce lungo strade forestali.


Commenti

Popular Posts