Piccolo manuale e consigli per andare a funghi, in particolare i Porcini.


Piccolo manuale e consigli per andare a funghi, in particolare i Porcini. 


Tieni traccia di tutte le tue uscite e migliora nel tempo la tua raccolta segnandoti tutti i dati delle tue passeggiate nel bosco in modo da andare a colpo sicuro!
 Qui su Amazon trovi l'utilissimo "Diario del Fungarolo":




Ecco elencati qui dei consigli per andare a funghi, in particolare i Porcini:

Devono avvenire diverse fasi in sequenza affinché i porcini possano nascere:

  1. Deve avvenire un abbondante pioggia distribuita regolarmente, un acquazzone non va bene in quanto il terreno non assorbe l'acqua in profondità
  2. Dopo la pioggia occorrono alcune giornate di sole pieno in modo che il terreno possa ribollire
  3. Non deve assolutamente esserci vento dopo la pioggia, se no il terreno si asciuga

Se non piove da molto tempo dopo una bella pioggia in assenza di vento bisogna aspettare almeno 10 12 giorni prima di andare a cercare funghi per sperare di trovarne. L'umidità ottimale è dal 60% al 90%.
Un'altra cosa che influisce la nascita dei porcini è la temperatura del terreno. La temperatura del terreno del bosco non deve scendere sotto i 6 gradi la minima, per la massima non deve superare i 30 gradi.
Le prime nascite dei porcini le avremo nei boschi esposti al sole.
Quando il clima è secco o se tira vento i fondovalle ombrosi ed umidi esposti a nord risulteranno i migliori. Al contrario se le giornate risultano fredde e piovose è determinante cercare il sole.
I Boletus Edilus, il porcino per eccellenza ha bisogno di una buona dose di umidità, ma temperature non troppo alte. Infatti per questo motivo si possono trovare anche a fine stagione. Inoltre crescono anche a maggiori altitudini, in piena estate si possono trovare anche a 2000 metri.
L'altitudine ottimale varia dai 700 ai 1500 metri sul livello del mare.
Anche la luna, anche se non scientificamente provato, a seconda di qualcuno influisce sulle nascite, se la luna infatti è crescente troveremo esemplari più grandi rispetto ad una luna calante.


Prima di essere mangiati i funghi porcini vanno ovviamente puliti e poi lavorati a seconda di quello che si vuole fare. Se un fungo porcino è troppo maturo o è pieno di vermetti l'ideale è farlo seccare. Si possono far seccare tagliandoli a fette e mettendoli sotto il calore del sole. Durante l'essiccazione i vermetti abbandonano il fungo.Se un fungo è novello, sano e senza vermi si può mettere sott'olio.

Infine quando vai a funghi la cosa più importante è rispettare l'ambiente e il sottobosco. Non calpestare o togliere i funghi che non conosci. Pulisci il fungo nel luogo di ritrovamento e raccogligli con un cestino o quei zaini con retina apposta per i funghi in modo che passeggiando i funghi possano rilasciare le spore.


Tieni traccia di tutte le tue uscite e migliora nel tempo la tua raccolta segnandoti tutti i dati delle tue passeggiate nel bosco in modo da andare a colpo sicuro!
 Qui su Amazon trovi l'utilissimo "Diario del Fungarolo":








Tieni traccia di tutte le tue uscite e migliora nel tempo la tua raccolta segnandoti tutti i dati delle tue passeggiate nel bosco in modo da andare a colpo sicuro!
 Qui su Amazon trovi l'utilissimo "Diario del Fungarolo":

Commenti

  1. .....ancor con la favola della luna.......per favore siate seri

    RispondiElimina
    Risposte
    1. e' scientificamente provato che un porcino rosso di mezza luna ascendente cancro con constellazione in orione sia piu' buono di uno estivalis con predominanza in ariete,e per tutti i miscredenti,dovete redimervi altrimenti la prossima stagione troverete solo vermi nei vostri sqauallidi badius da due soldi .....pentitevi!

      Elimina

Posta un commento

Post più popolari