Rifugio Contrin da Alba di Canazei

Escursione al rifugio Contrin da Alba di Canazei passando per la Baita Locia e per Malga Cianci.


SCHEDA TECNICA:

Partenza: Alba o Penìa di Fassa 1500 metri
Tipologia: andata/ritorno
Dislivello: 500 metri
Quota massima: Rifugio Contrin 2016 metri
Tempi: 2 ore per arrivare al rifugio
Segnaletica: ottima
Difficoltà: medio-facile
Punti d’appoggio: Baita Locia, Malga Cianci, Rifugio Contrin e Malga Contrin.
Gruppo: Marmolada
Cartografia: Tabacco 1:25.000, foglio 06, Val di Fassa e Dolomiti Fassa

E' uscito "Alla scoperta dei rifugi delle Dolomiti" stupenda guida targata Volpi del Vajolet per scoprire i rifugi più belli delle Dolomiti con la possibilità di inserire il timbro del rifugio!!! 

Acquistala subito su Amazon sul link qui sotto:


.

Ricordati di seguire la pagina facebook per rimanere sempre aggiornato sulle ultime escursioni e notizie premendo qui:--> volpi del vajolet

INTRODUZIONE:

Una tappa quasi obbligatoria quando si va in val di Fassa è salire al rifugio Contrin percorrendo la bellissima vallata del Contrin. Quest’escursione è relativamente facile, il dislivello è di 500 metri e il sentiero è privo di pericoli ed esposizioni, adatto per famiglie con bambini. Molti vacanzieri che alloggiano in questa valle amano fare quest’escursione a inizio vacanza per cominciare a fare un po’ di gamba e ambientarsi un po’ al clima alpino oppure a fine vacanza per prendersi i buonissimi formaggi in vendita allo spaccio a malga Contrin. Durante l’itinerario, oltre ad essere una bellissima camminata in mezzo ai boschi, ci si imbatte sicuramente in mucche al pascolo, ideale per i bambini. Oltre al rifugio Contrin si passa anche alla fiabesca Baita Locia con uno splendido panorama sul gruppo del Sassolungo e alla Malga Cianci, situata circa a metà via tra il rifugio Contrin e la Baita Locia.





L’ESCURSIONE IN DETTAGLIO:

Per quest’escursione si può partire sia da Penìa di Fassa che da Alba di Canazei. Se si parte da Alba di Canazei si può lasciare l’auto al parcheggio della Funivia che porta al Ciampac a 1500 metri s.l.m. circa e poi seguire le indicazioni per il rifugio Contrin, segnavia CAI 602. Se si parte da Penìa il segnavia da seguire è il numero 602A. La prima parte del sentiero sale abbastanza ripidamente tra vari tornanti in mezzo al bosco per raggiungere in un’oretta scarsa Baita Locia ad un’altitudine di 1736 metri s.l.m. Dalla Baita il sentiero si fa meno pendente e comincia a percorrere la bellissima vallata del Contrin fino a raggiungere Malga Cianci a 1900 metri s.l.m. Dalla Malga ormai manca poco, infatti in poco tempo, sempre percorrendo un bellissimo sentiero in mezzo al bosco, si raggiunge il rifugio Contrin a 2016 metri s.l.m. Appena più sopra, a 5 minuti, è situata Malga Contrin ultima tappa per quest’escursione. Per il ritorno si procede per la stessa strada effettuata all’andata.  




VARIANTI:

Il rifugio Contrin è punto di partenza di molteplici altre escursioni, infatti da esso si può raggiungere il rifugio San Niccolò, fare l’attraversata alla vallata dell’Ombretta fino a raggiungere il rifugio Falièr e addirittura si può raggiungere il rifugio più alto delle Dolomiti posto sulla cima più alta delle Dolomiti: Capanna Punta Penìa.

ISCRIVITI AL CANALE YOUTUBE PER VEDERE I VIDEO DELLE MIE ESCURSIONI PREMENDO QUI:--> volpi del vajolet

POTREBBE INTERESSARTI:


Mi trovi anche su instagram a questo link:--> INSTAGRAM VOLPI DEL VAJOLET 


   

FOTO:

La Malga Contrin

Il rifugio Contrin

mucche al pascolo al rifugio Contrin.



Baita Locia.

Il Sassolungo dalla Baita Locia.

Alba e Canazei

Booking.com
Il rifugio Contrin



Commenti

Post più popolari