Rifugio Mulaz: escursione da passo Valles

Rifugio Mulaz: escursione da passo Valles per il sentiero 751.

Il rifugio Mulaz è una bellissima escursione tra le Dolomiti di Veneto e Trentino sulle Pale di San Martino. Da passo Valles si raggiunge il rifugio Mulaz, in un continuo saliscendi per il sentiero 751.

SCHEDA TECNICA:

Partenza: Passo Valles 2031 metri
Tipologia: andata/ritorno
Dislivello: 900 metri considerando i vari saliscendi
Quota massima: Rifugio G. Volpi al Mulaz 2571 metri
Tempi: 3.5 ore
Segnaletica: buona
Difficoltà: medio-difficile
Punti d’appoggio: Rifugio Volpi al Mulaz
Gruppo: Pale di San Martino
Cartografia: Tabacco 1:25.000, foglio 22, Pale di San Martino
Periodo consigliato: estate


INTRODUZIONE:

Il rifugio Mulaz da passo Valles è una di quelle escursioni nelle Pale di San Martino assolutamente da fare. Tra le Dolomiti di Veneto e Trentino. Essa offre panorami mozzafiato sulle cime e sulle vallate circostanti in pieno paesaggio dolomitico. Per raggiungere questo rifugio ci sono vari sentieri e percorsi, ma quello che sale dal passo Valles è sicuramente l'itinerario più bello e panoramico. 

L’escursione non è da sottovalutare. Se si tiene in considerazione che bisogna affrontare diversi saliscendi, causati dall'attraversamento di diverse forcelle lungo il tragitto, tra andata e ritorno si fanno quasi mille metri di dislivello e 13 km. Sono presenti inoltre dei tratti esposti che richiedono passo sicuro, meglio evitare se si è alle prime armi o si è in compagnia di cani. In questo caso è migliore la salita dalla val Venegia. Il panorama è davvero spettacolare, durante il tragitto si riesce a vedere tutto la Val Venegia dall’alto e il paese di Falcade, la valle del Biois, con la parete sud della Marmolada. Circumnavigando il Mulaz, infine si può ammirare il gruppo del Focobon con le sue caratteristiche cime. Il sentiero 751 fa anche parte dell'alta via numero due delle Dolomiti. Il rifugio Mulaz è posto in testa alla valle del Focobon, subito sotto il passo del Mulaz con una spettacolare visuale sulle Pale del Focobon, le Dolomiti simbolo di Falcade. Il rifugio Volpi al Mulaz fu costruito per iniziativa della sezione CAI di Venezia nel 1907. Successivamente grazie agli amici delle famiglia Volpi fu restaurato tra il 1959 e 1960 con dedica a Giuseppe Volpi, finanziere, industriale e uomo politico di Venezia. Fondatore della SADE fu anche ideatore e realizzatore del polo industriale di Porto Marghera e gli fu dato il titolo di Conte di Misurata.

È online e disponibile "Alla scoperta dei rifugi delle Pale di San Martino"! Guida escursionistica che ti porta a conoscere i rifugi delle Pale, le principali escursioni da fare e i luoghi più belli da vedere nel gruppo più vasto delle Dolomiti. Perfetta sia per chi soggiorna un periodo in questa zona, sia per chi vuole iniziare a conoscere questi luoghi con escursioni sia facili sia impegnative. Acquistabile qui su Amazon: 

Acquistala subito su Amazon sul link qui sotto:


L’ESCURSIONE IN DETTAGLIO AL RIFIGIO MULAZ:

Per quest’escursione si parte quindi dal passo Valles a 2031 metri al confine tra Veneto e Trentino che collega Falcade con San Martino di Castrozza. Il segnavia da seguire è il sentiero 751 con indicazioni per il rifugio Mulaz. Dopo una salita iniziale si arriva alla prima forcella: la forcella Venegia a 2212 metri s.l.m. Da qui si scende di un centinaio di metri per poi salire al passo Venegiota a 2303 metri s.l.m. Da questo passo si scende di qualche metro e ancora si sale al passo del Focobon a 2291 metri s.l.m. Arrivati al passo del Focobon inizia la vera salita a tratti anche esposta in cui richiede passo sicuro fino a giungere al rifugio Volpi al mulaz ai piedi del gruppo del Focobon a 2571 metri s.l.m. Per i più allenati una volta arrivati al rifugio si può salire prima al passo Mulaz a quota 2619 metri s.l.m. e dopo alla cima del Monte Mulaz per la via normale a quota 2906 metri s.l.m e suonare la campana di vetta. Per questa deviazione, bisogna aggiungere all’escursione ulteriori 300 metri di dislivello e circa un’ora e mezza di salita. Inoltre se si vuole compiere un giro ad anello, al passo Mulaz, si può scendere per la val Venegia seguendo il sentiero CAI 710 e sucessivamente prendere il sentiero CAI 749 per ritornare prima alla forcella Venegia e poi al Passo Valles.


POTREBBE INTERESSARTI:

Tieni traccia di tutti i tuoi itinerari con il nuovo "Passaporto dell'escursionista" by Volpi del Vajolet. Un vero e proprio diario con lo spazio dove poter annotare tutti i dati dell'escursione come dislivello, difficoltà lunghezza, data ecc... e lo spazio per i vari timbri dei rifugi creando un personale libro di escursionismo. Lo trovi QUI su Amazon:



FOTO:

Forcella Venegia


Passo Venegiota.

Il Mulaz.


Il Rifugio G.Volpi al Mulaz.

Dal Rifugio G.Volpi al Mulaz.



Mare di nuvole dal Sasso Arduino.

Cima Focobon 3054 metri con il rifugio.


In ordine partendo da destra Cima Focobon 3054 metri, Cima di Campido 3001 metri, Zopel  2813 metri e il Campanile dei Lastei del Focobon 2721 metri.


La val Venegia e Cimon della Pala dal Passo del Focobon.


La val Venegia e Cimon della Pala dal Passo del Focobon.


Lungo il sentiero.


Lungo il sentiero.

Chiesetta al Passo Valles.

FOTO PANORAMICHE:

Panoramica su Cimon della Pala, la val Venegia e il Monte Castelazz.

NUOVA GUIDA Volpi del Vajolet per famiglie e per chi sta iniziando a scoprire le Dolomiti da poco. Raggruppa i percorsi più facili e famosi delle Dolomiti. Scoprila a questo link:

Commenti

Popular Posts