Rifugio Croda da Lago

Rifugio Croda da Lago


SCHEDA TECNICA:
Nome Completo: Croda da Lago 
Altitudine: 2046 metri
Gruppo Montuoso: Croda da Lago – Dolomiti d’Ampezzo
Comune: Cortina (BL)
Sezione CAI: CAI sezione di Cortina d’Ampezzo
Posti letto: 51 posti
Ricovero: n.d.
Apertura: estate
E' uscito "Alla scoperta ai rifugi delle Dolomiti" stupenda guida targata Volpi del Vajolet per scoprire i rifugi più belli delle Dolomiti con la possibilità di inserire il timbro del rifugio!!! 

Acquistala subito su Amazon sul link qui sotto:


.
IL RIFUGIO:
Il rifugio Croda da Lago si trova ai piedi dell’omonima cima delle Dolomiti, la Croda da Lago, sulle sponde di un bellissimo laghetto delle Dolomiti, il lago Federa. E’ situato a 2046 metri s.l.m. ed è crocevia di innumerevoli sentieri. Le vie d’accesso sono diverse, la più conosciuta è il sentiero 436 che parte dal passo Giau (vedi fine post) attraversando il Mondeval, i Lastoi di Formin e il Becco di Mezzodì. Un altra via d’accesso è il sentiero 434 prima e 437 poi che parte da metà strada circa fra Pecol e il passo Giau. Il panorama che i gode da questo rifugio è a dir poco spettacolare: spazia dalla vista su Cortina con i suoi principali gruppi dolomitici come il Sorapis e il Cristallo a vette altrettando belle, come la Croda da Lago e il Becco di Mezzodi che si specchiano nelle verdi acque del lago Federa. Inoltre per raggiungere il rifugio si gode di spettacolare bellezza che è il Mondeval. Il rifugio Croda da Lago inoltre fa anche parte dell’Alta via delle Dolomiti nr 1.

STORIA:


Nel 1901 il rifugio fu edificato per volere della guida alpina Giovanni Barbaria nei pressi del lago Federa chiamandolo “Barbaria Hutte”. Nel 1905 però, a causa dello scarso guadagno del rifugio, Barbaria decise di vendere il rifugio alla sezione del Club Alpino Austro-Tedesco di Reichenberg che modernizzo subito il rifugio e chiamandolo Reichenberger Hutte che lo gestirono fino alla scoppio della Prima Guerra Mondiale. Nel 1920, finita la guerra, il rifugio venne preso in gestione dal CAI di Cortina e assumerà il nome di Rifugio Croda da Lago fino al 1947. Durante la Seconda Guerra Mondiale il rifugio fu sede di un presidio tedesco e subì diversi danni. Nel 1946 il CAI di Cortina diede il rifugio in concessione a Marcello Siorapaes e con un contributo dato dalla famiglia Palmieri il rifugio fu ristrutturato e riaperto con il nome “rifugio Palmieri alla Croda da Lago”.


ESCURSIONE CONSIGLIATA:


SEGUIMI SUI SOCIAL A QUESTI LINK:

il rifugio Croda da Lago

il rifugio Croda da Lago

il rifugio Croda da Lago
Stai cercando un itinerario nelle Prealpi Venete?' E' uscito "Alla scoperta delle prealpi Venete" stupenda guida targata Volpi del Vajolet che ti porta a scoprire ben 30 itinerari che spaziano dal lago di Garda alla diga del Vajont passando per il monte Grappa, l'altopiano di Asiago e le prealpi trevigiane.

Acquistala subito su Amazon sul link qui sotto:





Commenti

Post più popolari