Escursione ad anello al rifugio Passo san Nicolò e al rifugio Contrin


06/08/2014

Escursione ad Anello al rifugio Passo San Nicolò e al rifugio Contrin partendo da Alba di Canazei.


SCHEDA TECNICA:

Partenza: Arrivo della seggiovia Séla Brunéch 2420 metri  
Tipologia: escursione ad anello
Dislivello: 900 metri in dicesa
Quota massima: Séla Brunéch 2420 metri 
Tempi: in giornata l’intero anello
Segnaletica: buona
Difficoltà: medio facile, da non sottovalutare l’estensione
Punti d’appoggio: rifugio Passo San Nicolò, Rifugio Contrin, Malga Contrin, Rifugio Malga Cianci, Baita Locia
Gruppo: Marmolada
Cartografia: Tabacco 1:25.000, foglio 06, Val di Fassa e Dolomiti Fassa
Periodo consigliato: estate





INTRODUZIONE:

Un’escursione molto appagante sia a livello panoramico, sia per la bellezza del sentiero è il giro ad anello che passa al rifugio Passo San Nicolò e per la vallata del Contrin. L'escursione non è particolarmente impegnativa, in quanto si sviluppa quasi per interno in discesa, ma cosa da non sottovalutare è l'estensione del percorso. Le cime che si riescono a vedere durante quest'itinerario sono tra le più belle della Val di Fassa, tra cui la parete sud ovest della Marmolada dove ai suoi piedi è situato il rifugio Contrin, i Monzoni e le vallate di San Nicolò e del Contrin. Il rifugio Contrin, inoltre,,al tempo era una base Austriaca e da qui impartivano i comandi a tutto il fronte di confine Italo/Austiaco. Infine, un’ultima nota golosa, il rifugio Contrin e l'omonima malga a fianco del rifugio sono famosi per la loro specialità di dolci e formaggi, in particolare lo yogurt, fatti con il latte di loro produzione.



L’ESCURSIONE IN DETTAGLIO:

Per questo giro ad anello si parte dal piccolo paese di Alba, frazione di Canazei e si prende la funivia che
porta al Ciampac, punto chiave per gli impianti sciistici della val di Fassa dove d'estate si trasforma in ottimo punto verde di ristoro per respirare aria buona e godersi il panorama. Dal Ciampac si sale ancora con la seggiovia raggiungendo Séla Brunéch a 2420 metri s.l.m. Da qui si prende il sentiero 613B chiamato anche sentiero attrezzato Lino Pederiva, uno spettacolare sentiero in cresta di montagna super panoramico.
Dopo aver percorso questo tratto di sentiero ci si immette nel sentiero CAI 613 che scendendo ancora porta al rifugio Passo San Nicolò a quota 2346 metri s.l.m.
Il rifugio Passo San Nicolò situato nell'omonimo passo divide la vallata del Contrin con la Vallata di San Nicolò. La prossima tappa di questo cammino è il rifugio Contrin situato a 2016 metri scendendo ancora per il sentiero CAI 608. Dal rifugio Contrin, inoltre, partono una miriade di sentieri, famosa la ferrata che porta a Punta Penìa nella Marmolada dov'è situato il rifugio alpino più alto delle Dolomiti: La Capanna Punta Penìa a 3342 metri. Per il ritorno prendiamo il classico sentiero CAI 602 che scende per la vallata del Contrin fino a ritornare ad Alba di Canazei passando per il rifugio Malga Cianci. Subito prima di arrivare al paese, però, ci si può fermare alla Baita Locia, una piccola casetta di montagna che ha quel che di fiabesco e godersi l'ultimo spettacolare panorama sul Sassolungo.

Ricordati di seguire la pagina facebook per rimanere sempre aggiornato sulle ultime escursioni premendo qui:--> volpi del vajolet
FOTO:


All'arrivo della funivia del Ciampac, sullo sfondo il gruppo del Sella.

Lo splendido angolo verde del Ciampac puntato verso il gruppo del Sella.

Il sentiero Lino Pederiva che si sviluppa in cresta delle montagne.

Il sentiero Lino Pederiva che si sviluppa in cresta delle montagne.

Il sentiero Lino Pederiva che si sviluppa in cresta delle montagne.
Metti mi piace alla pagina UFFICIALE facebook delle Volpi del Vajolet.






Il gruppo del Sella sullo sfondo.

Il sentiero Lino Pederiva che si sviluppa in cresta delle montagne.

Eccolo il rifugio Passo San Nicolò in lontananza.

Scendendo al rifugio Passo San Nicolò.

Il rifugio Passo San Nicolò.

La parete sud ovest della Marmolada.

Dal sentiero spunta la Malga del Contrin.

Scendendo al rifugio Contrin ai piedi della Marmolada.

Il Contrin.

La vallata del Contrin con in fondo il Sassolungo.

Il Sassolungo con ai piedi Canazei.

Il rifugio Contrin.

Il rifugio Contrin.

La Malga Contrin.
     
Felici mucche al pascolo al Contrin.

La Baita Locia, prima di arrivare al paese.

Spettacolare vista sul Sassolungo dalla Baita Locia.

Il paese di Alba e Canazei.


Booking.com

Panoramica dal sentiero Lino Pederiva.

Panoramica dal sentiero Lino Pederiva.

Panoramica dal sentiero Lino Pederiva.

Panoramica nei pressi del rifugio Contrin.

Panoramica dal sentiero Lino Pederiva.

-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Metti mi piace alla pagina UFFICIALE facebook delle Volpi del Vajolet.






PREMI QUI PER CONDIVIDERE QUESTO POST SULLA TUA BACHECA FACEBOOK

--------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------


Commenti

  1. wow bellissimo giro! mai stato, da fare di sicuro il prossimo anno!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si, la val di Fassa è fantastica, forse un po' troppo affollata in alta stagione ma d'altronde con questi panorami

      Elimina

Posta un commento

Post più popolari