RIfugio Caldenave e laghi Nassere e val d'inferno

 Escursione ad anello ai laghi Nassere e val d'Inferno e al rifugio Caldenave.

Dal rifugio Carlettini, in val Campelle, si sale al lago Nassere per il sentiero dei Nomadi. Si continua fino ai laghi val D'inferno per poi scendere al rifugio Caldenave compiendo un'escursione ad anello.

Partenza: Rifugio Carlettini 1368 mt
Tipologia: anello
Dislivello: 850 D+
Lunghezza: 11 km
Quota massima: lago Nassere 2064 mt
Tempi: 5 ore per l’anello
Segnaletica: buona
Difficoltà: medio-difficile
Punti d’appoggio: rifugio Caldenave 1799 mt
Cime percorse: nessuna
Segnavia: L31 (sentiero dei Nomadi) – 360 – 332   
Gruppo: Lagorai
Cartografia: Tabacco 1:25.000, foglio 58, Valsugana, Tesino, Lagorai, Cima d’Asta
Periodo consigliato: estate, autunno
Adatto ai cani: si
Presenza d’acqua: fontanella a malga Nassere

E' finalmente uscito il SECONDO volume di "Alla scoperta dei rifugi delle Dolomiti". Non fartelo scappare, scopri nuovi itinerari e rifugi da raggiungere.


Acquistala subito su Amazon sul link qui sotto:

INTRODUZIONE: 

Un itinerario davvero affascinante, tra le escursioni più belle da fare in Valsugana Lagorai, è sicuramente l’anello che porta ai laghi Nassere e val d’Inferno, e al rifugio Caldenave, in val Campelle. L’escursione è medio-difficile, nonostante non sia particolarmente lunga, ha un dislivello positivo di 850 metri con tratti abbastanza ripidi e un po’ scivolosi. Il periodo migliore da intraprendere quest’itinerario è fine primavera (fine giugno, inizio luglio), durante la fioritura dei rododendri, molto presenti lungo il sentiero, oppure durante il mese di ottobre, dove il foliage, qui, è davvero magico. L’elevata presenta di larici, che in questo periodo si tingono di giallo arancio, contrastata dal verde degli abeti, creano un paesaggio davvero unico che si specchia nei due laghetti creando cornici perfette e paradisiache. Oltre a questo spettacolo della natura, durante l’itinerario è possibile ammirare anfiteatro della val Campelle circondata da granitiche cime tipiche del Lagorai. Infine si percorre anche il sentiero L31, detto “sentiero dei Nomadi”, dedicato alla scomparsa dei due musicisti, Augusto Daolio, fondatore e cantante dei Nomadi, e a Dante Pergreffi, bassista della band.Per concludere per giungere al rifugio Carlettini, punto di partenza, si passa in auto al rifugio Cruccolo, rifugio molto frequentato e conosciuto dove servono la bevanda alcolica tipica alla fiamma, il paraprampoli.

 L’ESCURSIONE IN DETTAGLIO: 

Dalla Valsugana si giunge all’abitato di Strigno e da qui si seguono le indicazioni per la Val Campelle, rifugio Crucolo. Si sale fino al Crucolo e si continua fino a giungere al rifugio Carlettini dove si può parcheggiare a 1368 metri. Qui inizia il sentiero L31, il sentiero dei Nomadi, indicato da un tabellone in legno bello grande. Il sentiero sale abbastanza ripidamente nel fitto bosco di abeti fino a giungere a malga Nassere, a 1778 metri, dopo un’ora abbondante di cammino. Qui è presente una fontanella e il panorama si apre sulla val Campelle. Si continua a salire ripidamente per il canalone, che punta a cima Nassere circondato da Larici. Alla fine di questa ripida salita il sentiero svolta di netto a destra e raggiunge il lago Nassere per un tratto leggermente pianeggiante. Visto il lago di Nassere a 2064 metri si continua lungo il sentiero fino a giungere ad un bivio. Qui si tiene la destra, segnavia 360, seguendo le indicazioni per i laghi della val d’inferno. Si inizia ora a scendere ripidamente, passando anche per il bivacco Lastei, fino a giungere ai due piccoli laghetti val d’Inferno a 1950 metri. Si continua a scendere per il lungo sentiero che fa parte dell’altavia del granito fino a incrociare il torrente Rivo di Caserine. Lo si attraversa con un ponte e tenendo la sinistra si risale dolcemente al rifugio Caldenave, Claudio e Renzo, a 1799 mt. Ora si rientra scendendo per la val di Caldenave, percorrendo un ripido tratto sassoso per poi giungere a una carrareccia che conduce al rifugio Carlettini.    

VARIANTI: 

Se si vogliono visitare questi luoghi ma con un itinerario più facile è possibile salire solamente al rifugio Caldenave evitando i due laghi in alta quota.

Potrebbe interessarti: 


Acquista le guide targate Volpi del Vajolet direttamente su Amazon a questi link diretti e scopri i rifugi e le camminate più belle tra Dolomiti e Veneto, tra storia e natura!

     

FOTO: 


Gps 3d dell'escursione.

Gps con altimetria.

altimetria.

prime indicazioni.

il rifugio Carlettini.

indicazioni sentiero dei nomadi.

malga Nassere.

larici lungo il sentiero.

panorama sulla val Campelle.

foliage lungo il sentiero.

foliage autunnale.

lago Nassere.

lago Nassere.

lago Nassere.

lago Nassere.

larici in autunno.

lago Nassere.

bivio ai laghi val d'inferno.

bivacco Lastei.

laghi val d'inferno.

seguimi su www.instagram.com/luca_matt

foliage

lungo il sentiero.

lungo il sentiero.

val Caldenave.

vista dal rifugio Caldenave.

il rifugio Caldenave.

il rifugio Caldenave.


il rifugio Caldenave.

indicazioni.

Acquista le guide targate Volpi del Vajolet direttamente su Amazon a questi link diretti e scopri i rifugi e le camminate più belle tra Dolomiti e Veneto, tra storia e natura!

     



Commenti

Post più popolari