Escursione al rifugio Cima D'Asta Ottone Brentari

 Escursione al rifugio Cima D'Asta 

Ottone Brentari


SCHEDA TECNICA:

Partenza: Malga Sorgazza 1441 mt, val Malene, Pieve Tesino
Tipologia: andata/ritorno
Dislivello: 1000 D+
Lunghezza: 13 km (andata + ritorno)
Quota massima: Rifugio Ottone Brentari 2475 mt
Tempi: 3 ore per raggiungere il rifugio
Segnaletica: ottima
Difficoltà: difficile
Punti d’appoggio: Malga Sorgazza e rifugio Brentari
Gruppo: Lagorai
Cartografia: Tabacco 1:25.000, foglio 58, Valsugana, Tesino, Lagorai e cima D’Asta
Periodo consigliato: estate autunno
Adatto ai cani: si, non per la variante 327b
Presenza d’acqua: fontanello no, ma lungo il percorso sono presenti diversi corsi d’acqua 

Voglia di Montagna??  Scopri nuovi itinerari e metti i timbri dei rifugi con le mie guide Volpi del Vajolet: acquistale comodamente su Amazon a questi link

  

INTRODUZIONE: 

Il giro per eccellenza da fare nel gruppo del Lagorai è raggiungere il rifugio Ottone Brentari a cima D’Asta situato ai piedi dell’omonima cima, vetta che con i suoi 2847 metri è la più alta di tutto il gruppo. L’escursione è abbastanza impegnativa, in soli 6 km di andata si ha un guadagno di quota di ben 1000 mt e specie l’ultimo tratto di sentiero è molto ripido. Inoltre, superato il bosco iniziale si percorrono quasi due ore sotto il sole, cosa da non sottovalutare. Raggiugere però il rifugio Brentari a cima d’Asta è sicuramente una grande soddisfazione che ripaga ogni fatica fatta. Di fronte al rifugio c’è uno splendido laghetto alpino, il lago cima d’Asta, dal colore blu notte che rispecchia la vetta soprastante, davvero incantevole. Il panorama che accompagna tutta l’escursione è quello classico dei Lagorai, guglie frastagliate e ciottoli di porfido. Infine, ultima nota, va alla variate del setiero 327B, una variante per escursionisti esperti davvero interessante in quanto bisogna superare dei tratti molto ripidi dove scorre anche un torrente dove a volte bisogna anche un po’ “arrampicare” appoggiando le mani a terra, molto divertente (non è una vera e propria arrampicata e non serve essere attrezzati, solo un po’ esperti).

Se si ha inoltre un buon allenamento aggiungendo un ora e mezza di escursione e altri 300 mt di dislivello si può raggiungere cima D’Asta dove sopra si ha un panorama davvero superlativo.

 

L’ESCURSIONE IN DETTAGLIO:

Per quest’itinerario bisogna raggiungere il paese di Pieve Tesino, raggiungibile salendo dalla Valsugana e passando l’abitato di Castel Tesino o raggiungibile passando dal Passo Broccon. Dal paese di Pieve Tesino bisogna salire ancora in macchina seguendo le indicazioni per val Malene prima e per malga Sorgazza dopo, dove una volta raggiunta c’è un ampio parcheggio dove si può lasciare la macchina. Dal parcheggio le indicazioni sono evidenti e ben segnate: sentiero 427 per rifugio Brentari cima d’Asta. La prima parte del sentiero è abbastanza pianeggiante e sale in maniera poco ripida per strada forestale dentro al bosco. Dopo circa una ventina di minuti si trova una deviazione che NON bisogna prendere che porta sempre al Brentari, sentiero 388. Il sentiero prosegue sempre per stradina forestale fino a giungere alla teleferica del rifugio. Da qui il bosco inizia a diradarsi e il sentiero diventa sentiero di montagna e la pendenza inizia a essere più decisa. Ormai fuori dal bosco il sentiero sale ripido a zig zag guadagnando velocemente quota fino a raggiungere il bivio per il sentiero 427B. Se si è escursionisti esperti lo si può percorrere altrimenti si rimane sul 427. Il sentiero 427B cambia decisamente la pendenza e risale un torrente attraverso roccie granitiche che comunque garantiscono sempre un ottimo grip. Dopo tre ore esatte di cammino e 1000 metri di dislivello si raggiunge il rifugio Ottone Brentari a cima D’Asta a 2475 metri s.l.m. Per il ritorno si procede per la stessa strada dell’andata. 

VARIANTI: 

La salita al rifugio cima d’Asta fa parte dell’altavia del Granito, un percorso a tappe con pernotto in rifugio lungo tutto il Lagorai.

 POTREBBE INTERESSARTI


SEGUIMI SUI SOCIAL A QUESTI LINK
 FOTO:
traccia GPS.
Altimetria

indicazioni a Malga Sorgazza.

laghetto nei pressi di Malga Sorgazza.


lungo il tragitto.
sentiero che sale a zig zag.

Bivio per sentiero 327b

sentiero 427B 
 
sentiero 427B

il sentiero si fa ripido.

il lago cima D'Asta.

il lago cima D'Asta.

il lago cima D'Asta.

il lago cima D'Asta.

il lago cima D'Asta.

il lago cima D'Asta.

il rifugio Cima D'Asta Ottone Brentari.

il rifugio Cima D'Asta Ottone Brentari.

panoramica sul lago cima D'Asta.

Voglia di Montagna??  Scopri nuovi itinerari e metti i timbri dei rifugi con le mie guide Volpi del Vajolet: acquistale comodamente su Amazon a questi link

  

Commenti

Post più popolari