Ferrata Ra gusela al rifugio Nuvolau e ferrata alla cima Averau da passo Giau


Ferrata Ra gusela al rifugio Nuvolau e ferrata alla cima Averau da passo Giau.


SCHEDA TECNICA:

Partenza: Passo Giau 2236 metri
Tipologia: escursione ad anello
Dislivello: 700 metri circa considerando vari saliscendi
Quota massima: Cima Averau 2649 metri
Tempi: 4 ore per l’anello senza soste
Segnaletica: buona
Difficoltà: medio-difficile – richiede set da ferrata, imbrago e caschetto
Punti d’appoggio: Rifugio Averau, Nuvolau
Gruppo: Dolomiti Ampezzane
Cartografia: Tabacco 1:25.000, foglio 03, Cortina
Periodo consigliato: estate


 

INTRODUZIONE:


Un giro davvero entusiasmante, sia dal punto di vista adrenalinico, sia dal punto vista del paesaggio, tra i più belli delle Dolomiti è raggiungere il rifugio Nuvolau dal Passo Giau per poi successivamente salire alla cima dell’Averau.
Il panorama che si può ammirare è davvero da cartolina: si vedono le Tofane, le Cinque Torri e il Lagazuoi, la Marmolada, il Civetta, le Pale di San Martino, il Catinaccio, il Sassolungo, il Pelmo, il Sorapis e il Cristallo, un panorama a 360 gradi davvero completo.
Tutto questo è contornato da un percorso adrenalinico da fare con set da ferrata che farà rendere la giornata super. Le ferrate da affrontare sono ben due, anche se relativamente brevi. La prima, la ferrata Ra Gusela, che dal passo Giau sale al rifugio Nuvolau, è più semplice, più un sentiero attrezzato che una via ferrata vera e propria, mentre la seconda, che dal rifugio Averau porta alla cima dell’Averau, nonostante sia molto breve e indicata come semplice, presenta dei passaggi impegnativi, specie il primo tratto iniziale che non bisogna sottovalutare. Dalla cima dell’Averau non serve certo sottolineare che il panorama è davvero superlativo.



L’ESCURSIONE IN DETTAGLIO:


Per quest’escursione bisogna raggiungere il passo Giau salendo a 2236 metri s.l.m. da Caprile o da Cortina. Parcheggiata l’auto si prende il caratteristico sentiero 452 con la Ra Gusela sullo sfondo. Quasi subito, al primo bivio bisogna svoltare a destra per il sentiero 443 seguendo le indicazioni per “ferrata Ra Gusela”. Si procede ora per comodo sentiero in mezzo a rocce Dolomitiche per poi trovarsi a un altro bivio. Qui si prende il sentiero 438 sempre ben indicato con Ferrata Ra Gusela. Qui si sale ripidamente in quota fino a raggiungere il punto in cui inizia il tratto attrezzato e una volta imbragati con set da ferrata si supera il ripido canalino senza troppe difficoltà. Superato questo tratto si raggiunge un pianoro con ampie vedute sulle 5 Torri e la tofana, nel frattempo si inizia a intravedere il rifugio Nuvolau. Si procede sempre tramite sentiero fino a trovare il secondo tratto attrezzato di questa prima ferrata. Questo tratto è molto entusiasmante in quanto si percorre la cresta della montagna fino a raggiungere il rifugio Nuvolau a 2575 metri s.l.m.
Dopo foto di rito al rifugio Nuvolau si procede scendendo al rifugio Averau tramite sentiero 439 raggiungendo rapidamente il rifugio Averau a 2413 metri s.l.m. Raggiunto il rifugio si seguono le ben segnate indicazioni per la cima dell’Averau. Il sentiero che porta alla cima dell’Averau è formato da un primo tratto di sentiero normale in ambiente Dolomitico per poi raggiungere il tratto ferrato. Il primo tratto della ferrata bisogna fare particolare attenzione in quanto si sale una paretina con pochi appigli. Un’altra cosa da fare molta attenzione è che questa è l’unica via per salire all’Averau, quindi è facile trovarsi in ferrata con persone che scendono. Superato in una 20 di minuti il tratto ferrato si procede attaccando la cima andando salendo per un sentiero abbastanza ripido fino a raggiungere la cima a 2649 metri s.l.m. dove il panorama è davvero fantastico.
Per il ritorno bisogna scendere al rifugio Averau facendo lo stesso percorso, cioè la ferrata. Poi dal rifugio Averau per tornare al Giau si può prendere il sentiero 452 più veloce o si può allungare l’escursione andando al rifugio Scoiattoli e poi 5 Torri per tornare infine per il sentiero 443.



SEGUIMI SUI SOCIAL A QUESTI LINK:


POTREBBE INTERESSARTI:


  
FOTO:



La Ra Gusela al passo Giau.


Lungo il sentiero che sale all'attacco della ferrata Ra Gusela.


Le 5 torri e la Tofana lungo il sentiero.

Canalino del primo tratto attrezzato.

Finito il primo tratto ecco il rifugio.

La Marmolada e il Sella.

il rifugio Nuvolau.

Scorcio verso il rifugio Nuvolau.

Tratto di ferrata alla cima dell'Averau.

La Marmolada dalla cima dell'Averau.

Lastoi di Formin, Pelmo, Civetta e passo Giau dalla cima dell'Averau.

Commenti

Post più popolari