Sentiero delle Meatte da San Liberale: escursione ad anello per i sentieri 151 152 e 153

Sentiero delle Meatte da San Liberale: escursione ad anello per i sentieri 151, 152 e 153.

Da San Liberale si sale a Pian de la Bala per il sentiero 151. Si continua per il sentiero delle Meatte (152) e si scende per il sentiero 153. Splendido itinerario sul monte Grappa nelle prealpi Venete.


SCHEDA TECNICA:

Partenza: San Liberale, Paderno del Grappa 600 metri
Tipologia: escursione ad anello
Dislivello: 900 metri
Quota massima: Cima della Mandria 1482 metri
Tempi: 3 ore per raggiungere la cima
Segnaletica: ottima
Difficoltà: medio-difficile
Punti d’appoggio: nessuno
Gruppo: Massiccio del Monte Grappa
Periodo consigliato: primavera autunno
Cartografia: Tabacco 1:25.000, foglio 51, Monte Grappa – Bassano - Feltre

Disponibile su Amazon la mia nuova guida "Alla scoperta dei sentieri del monte Grappa".  Ti porta a scoprire 23 itinerari sul massiccio del monte Grappa, lungo i sentieri della Grande Guerra. Con tantissime foto del Grappa, cartine che indicano il percorso, descrizioni dettagliate e un approfondimento storico, non puoi lasciarti sfuggire questa bellissima guida!


INTRODUZIONE:

Il sentiero delle Meatte è un'interessante escursione a tema Grande Guerra da fare nel Monte Grappa. Si parte da San Liberale, nella pedemontana Veneta per poi risalire le mulattiere storiche 151 e 153. Come punto finale si raggiunge la vedetta dell'Archeson a Cima della Madria. Il sentiero delle Meatte venne realizzato dal Genio militare italiano come opera di immediata retrovia per spostare e ricevere le truppe al riparo dal tiro nemico. Attraente è sicuramente l’immagine paesaggistica del luogo stesso percorrendo una serie di cunicoli e gallerie scavate dal Genio in un ambiente di montagna che rievocano la Prima Guerra mondiale. Dalla Cima della Mandria, quota massima di quest’escursione, si ha un bellissimo panorama su tutta la pianura Padana con il fiume Piave che la attraversa. Nelle giornate più limpide e sena foschia si riesce a vedere il mare con la laguna di Venezia. Fenomenale l’alba e il tramonto da questi luoghi. Al ritorno dal sentiero si può fare una breve deviazione e vedere il “Bus de Refos” un’immensa grotta naturale. Infine, molto frequentemente, durante questo tragitto è facile imbattersi in qualche camoscio che corre lungo questi pendii. L'escursione ad anello lungo il sentiero delle Meatte rimane una delle escursioni più belle da fare in Veneto.



L’ESCURSIONE IN DETTAGLIO:

Per quest’escursione si parte dalla valle di San Liberale raggiungibile da Fietta sotto il comune di Paderno del Grappa. Da Fietta si percorre la strada con direzione valle San Liberale fino la sua fine raggiungendo un ampio parcheggio a 600 metri d’altitudine circa dove c’è anche un buon ristorante e un punto di ristoro. Dopo aver parcheggiato l’auto ci si incammina seguendo le evidenti indicazione per cima Grappa fino a raggiungere un primo bivio: bisogna proseguire a sinistra seguendo le indicazioni per il sentiero CAI 151. Il 151 è una comoda mulattiera della prima guerra mondiale che inoltrandosi nel bosco sale abbastanza ripidamente con man mano che ci alza di altitudine si aprono dei panorami sulla vallata e sulla pianura Padana. Dopo circa due ore di cammino si arriva a "Pian dea Baea" a 1400 metri s.l.m. dove si trova la strada asfaltata che porta a cima Grappa, da qui si prende il sentiero delle Meatte (sentiero CAI 152) sulla destra. Il sentiero CAI 152 è meno ripido e più panoramico e passa attraverso le gallerie scavate durante la Grande Guerra costeggiando il monte Boccaor. Dopo aver percorso una parte di questo sentiero si vede dall’alto il sentiero di ritorno, il sentiero CAI 153, una mulattiera che scende a zig zag sulla vallata. Arrivati al bivio per scendere per il 153 si prosegue dritti perché prima bisogna raggiungere la cima della Mandria a 1482 metri s.l.m. dove sopra è ubicato il sacello della Vedetta dell’Archeson che scruta tutta la pianura. Per il ritorno si torna indietro fino alla deviazione del sentiero CAI 153 e prendendolo riporta a San Liberale.


POTREBBE INTERESSARTI:

Tieni traccia di tutti i tuoi itinerari con il nuovo "Passaporto dell'escursionista" by Volpi del Vajolet. Un vero e proprio diario con lo spazio dove poter annotare tutti i dati dell'escursione come dislivello, difficoltà lunghezza, data ecc... e lo spazio per i vari timbri dei rifugi creando un personale libro di escursionismo. Lo trovi QUI su Amazon:



FOTO:

Il sentiero CAI 151 visto da "Pian dea Baea".


Parte iniziale del sentiero delle Meatte.

La valle san Liberale.

Gallerie lungo il percorso.

Gallerie lungo il percorso.

 

Passaggio sotto il ponte tibetano della ferrata "Sass Brusai".

Passaggio sotto il ponte tibetano della ferrata "Sass Brusai".

Il sacello su cima della Mandria.

Panoramica sul Piave da cima della Mandria, peccato per la foschia.

Per il ritorno si torna indietro fino alla deviazione del sentiero CAI 153 che ci riporta a San Liberale

Il sentiero CAI 153.

al ritorno ormai arrivati a san Liberale obbligo fermarsi al "Bus de Re Fos" un enorme grotta naturale.


Ricordati di seguire la pagina facebook per rimanere sempre aggiornato sulle ultime escursioni e notizie premendo qui:--> volpi del vajolet

FOTO PANORAMICHE:

 Panoramica sul Monte Grappa.

Panoramica sulla Pianura Padana.



Disponibile su Amazon la mia nuova guida "Alla scoperta dei sentieri del monte Grappa".  Ti porta a scoprire 23 itinerari sul massiccio del monte Grappa, lungo i sentieri della Grande Guerra. Con tantissime foto del Grappa, cartine che indicano il percorso, descrizioni dettagliate e un approfondimento storico, non puoi lasciarti sfuggire questa bellissima guida!



Commenti

Post più popolari