Gor della Cuna: escursione a Farra di Soligo

 Gor della Cuna: escursione a Farra di Soligo

Il sentiero Gor della Cuna è un'affascinante escursione tra le Colline del Prosecco. Da Farra di Soligo si sale al sentiero delle Vedette e si rientra per il sentiero delle Crepe.

Partenza: Farra di Soligo 150 mt
Tipologia: anello
Dislivello: 400 D+
Lunghezza: 8.5 km  
Quota massima: lungo il sentiero 460 mt
Tempi: 2.5/3 ore senza le pause
Segnaletica: ottima per il sentiero Gor della Cuna, mediocre per il sentiero delle Crepe
Difficoltà: facile
Punti d’appoggio: nessuno
Cime percorse: nessuna
Segnavia: Gor della Cuna – sentiero delle Vedette – sentiero delle Crepe    
Gruppo: Prealpi Trevigiane – Colline del Prosecco
Cartografia: Tabacco 1:25.000, foglio 68, Prealpi trevigiane e bellunesi
Periodo consigliato: tutto l’anno, evitando i periodi troppo caldi
Adatto ai cani: si
Presenza d’acqua: il primo sentiero risale il torrente Rui Stort
Cosa vedere: Cascata Gor della Cuna - Panorama sulle colline del Prosecco


INTRODUZIONE:

Il sentiero Gor della Cuna è un piacevole trekking a Farra di Soligo, un’escursione tra le Colline del Prosecco nelle Prealpi Trevigiane.

Il Gor della Cuna è una cascatella formata dal torrente Rui Stort che scende a valle da questo gruppo collinare che parte da Col San Martino e prosegue fino a Soligo. Il sentiero prende il nome di questa cascatella e risale il torrente fino alla cresta sommitale di questo gruppo dove corre il famoso “sentiero delle Vedette”. L’itinerario è facile. Si percorrono in totale 8.5 km affrontando un dislivello positivo di 400 mt. Un solo breve punto che si risale a passo Xocco sul sentiero delle Vedette può considerarsi un po’ impegnativo perché abbastanza ripido. In breve, l’escursione parte Farra di Soligo. Si sale intercettando il sentiero delle Vedette percorrendo tutto il Gor della Cuna e, prima di raggiungere Collagù, punto di riferimento per questa zona, si rientra a Farra per il sentiero delle Crepe. L’escursione è sorprendentemente affasciante per via che si trova un ambiente che non ci si aspetta. Il sentiero Gor della Cuna è un percorso ricco d’acqua che risale la forra creata dal torrente con alte pareti di conglomerato. Il tutto unito da un piacevole lavoro di terrazzamenti creati dall’uomo per coltivare la vite. Un percorso entusiasmante e divertente, con scorci unici, tra i più belli della zona delle Colline del Prosecco. Oltre a questo, lungo il sentiero delle Vedette è presente qualche punto panoramico che regala ampie vedute sulle Prealpi Treviagiane, tra cui il monte Cesen, dove si può notare il famoso “ippopotamo del Cesen”, il monte Crep, Miane, Cison di Valmarino, il Col del Moi, cima Vallonscuro, il Crodon del Gevero e il Col Visentin. Un panorama niente male. La segnaletica, sia per il sentiero Gor della Cuna che per il sentiero delle Vedette, è ottima, mentre per il sentiero delle Crepe è presente qualche punto in cui andrebbe migliorata ma, scaricando la traccia gpx a fine blog, non c’è nessun problema di percorribilità. Quest’itinerario tra le Prealpi Trevigiane è sicuramente super consigliato, in particolare se si cerca un’escursione da fare a bassa quota.

 90 escursioni e 175 rifugi delle Dolomiti da visitare, con le tracce GPX da scaricare direttamente dalla guida e lo spazio per il timbro del rifugio!!!  Tutto questo solo con i tre volumi di "Alla scoperta dei rifugi delle Dolomiti"!

Li trovi su Amazon premendo l'immagine qui sotto!

GOR DELLA CUNA: ESCURSIONE IN DETTAGLIO

 

Per fare il sentiero Gor della Cuna bisogna raggiungere Farra di Soligo. Il sentiero parte esattamente a via San Nicolò, un po’ prima del centro se si arriva da Col San Martino. Proprio di fronte alla via è presente un bel parcheggio riservato ad una macelleria nel periodo d’apertura.  Lasciata l’auto si imbocca la via per svoltare subito a sinistra seguendo le indicazioni per “Gor della Cuna”. Qui si supera già il torrente Rui Stort e risalendone la destra orografica ci si inoltra nel bosco dopo aver attraversato alcuni vigneti. Si prosegue quindi in quest’ambiente umido, di bosco e acqua, attraversando alcune volte il piccolo torrente fino a raggiungere la cascatella Gor della Cuna. Da qui, si risale il ripido pendio sulla destra per proseguire ancora lungo questa entusiasmante e divertente forra fino a portarsi ad una nuova zona di vigneti, dove si può scorgere un bel panorama. Si risale ora l’ultimo tratto di ripida salita che serve a raggiugere passo Xocco, dove si intercetta il sentiero delle Vedette. Si procede quindi verso destra, superando Pian Serafin e il Col Vinal fino a vedere in lontananza il santuario di Collagù. Proprio qui e prima di raggiungerlo, sulla destra, parte il sentiero delle Crepe. Percorso bellissimo tra i filari di Prosecco che porta ad attraversare un ambiente unico e affascinante. Si alternano tratti tra i filari e tratti nel bosco fino a riscendere definitivamente a Farra di Soligo. Infine, per vie secondarie ci si riporta a punto iniziale del percorso.



VARIANTI:

Con una brevissima deviazione è possibile raggiungere il Santuario di Collagù.


 TRACCIA GPX:

 

FOTO:

Gps 3d dell'escursione.

Gps dell'escursione, i colori indicano l'altimetria.

profilo altimetrico.

i Rui Stort.

tratto di sentiero.

il sentiero Gor della Cuna.

il sentiero Gor della Cuna.

Cascatella Gor della Cuna.

sentiero tra bosco e vigneti

il sentiero Gor della Cuna.

ben indicato.

si passa tra le vigne.

si passa tra le vigne.


casetta privata in mezzo al bosco.

panorama dalle Colline del Prosecco.

il sentiero che sale.

le Colline del Prosecco.

passo Xocco.

Verso Valmareno e Cison di Valmarino. i monti: Col de Moi, Vallon Scuro e Crodon del Gevero. 

Verso Miane.

il santuario di Collagù.

tra le Colline del Prosecco.

indicazioni per il sentiero delle Crepe.

 90 escursioni e 175 rifugi delle Dolomiti da visitare, con le tracce GPX da scaricare direttamente dalla guida e lo spazio per il timbro del rifugio!!!  Tutto questo solo con i tre volumi di "Alla scoperta dei rifugi delle Dolomiti"!

Li trovi su Amazon premendo l'immagine qui sotto!


Commenti

  1. Bel sentiero ma a metà percorso non è segnalato bene. Difficile trovare la strada corretta ! Noi ci siamo persi ma poi ci sono altre vie per tornare al parcheggio auto.

    RispondiElimina

Posta un commento

Popular Posts