Rifugio Micheluzzi: escursione da Campitello di Fassa

Rifugio Micheluzzi: escursione da Campitello di Fassa.

Il rifugio Micheluzzi e la Baita Lino Brach si raggiungono da Campitello di Fassa lungo il sentiero che porta in val Duron. Una classica escursione in val di Fassa, tra le Dolomiti di Catinaccio e Sassolungo.


SCHEDA TECNICA

Partenza: Campitello di Fassa 1448 metri s.l.m.
Tipologia: andata/ritorno
Dislivello: 400 D+
Quota massima: Rifugio Micheluzzi 1850 metri s.l.m.
Tempi: 1.5/2 ore per arrivare al rifugio
Segnaletica: ottima
Difficoltà: medio-facile
Punti d’appoggio: rifugio Micheluzzi.
Gruppo: Sassolungo
Cartografia: Tabacco 1:25.000, foglio 06, Val di Fassa e Dolomiti Fassa
Periodo consigliato: estate

INTRODUZIONE




Il rifugio Micheluzzi è una classica escursione da fare in val di Fassa, tra le Dolomiti del Catinaccio e Sassolungo. Si raggiunge anche la Baita Lino Brach lungo e la Val Duron.


L'escursione al rifugio Micheluzzi di per sé non è per nulla impegnativa, il dislivello totale supera circa i 400 metri e sono sviluppati solo nel primo tratto, che si dimostra una rampa bella ripida ma priva di pericoli. Una volta superato questo, il sentiero è per lo più pianeggiante. La val Duron è una bella vallata verde tra la catena del Sassolungo e quella del Catinaccio dove si trovano spesso mucche al pascolo. Da qui possono partire altri innumerevoli sentieri per il Catinaccio, il Sassopiatto e l'Alpe di Tires, tra cui il famoso lago Antermoia.  Subito vicino è situata anche la baita Lino Brach con le sue caratteristiche sculture in legno.

E' uscito "Alla scoperta dei rifugi della val di Fassa" stupenda guida targata Volpi del Vajolet adatta sia per chi è tra le prime volte che viene in valle sia per chi vuole avere in un unico punto uno spazio per inserire i timbri di tutti i rifugi!!! 

Acquistala subito su Amazon sul link qui sotto:


L'ESCURSIONE IN DETTAGLIO AL RIFUGIO MICHELUZZI

Per raggiungere il rifugio Micheluzzi e fare quest’itinerario, si può partire dal centro di Campitello di Fassa a una quota di 1448 metri. Da qui si prosegue in direzione nord seguendo la via Strèda de Salin, strada asfaltata fino alla fine delle ultime case dove c’è anche un eventuale parcheggio. Da qui la strada diventa strada forestale e per il primo tratto la pendenza del tracciato è abbastanza elevata. Superato questo tratto, il sentiero si fa più in dolce e dopo circa un’ora di cammino si arriva al rifugio Micheluzzi a una quota di 1850 metri s.l.m. che apre le porte alla Val Duron. A due passi dal rifugio, si raggiunge anche la baita Lino Brach a 1854 metri s.l.m. Per il ritorno si può procedere per la stessa strada dell'andata.

VARIANTI:

Il rifugio Micheluzzi può essere un punto di partenza per altre innumerevoli escursioni, la prima è raggiungere il rifugio Antermoia, mentre la seconda è arrivare al rifugio Alpe di Tires percorrendo tutta la val Duron e superando il passo Duron.


FOTO:

Campitello di Fassa.

Inizia la salita.

Vista sul col Rodella.

Il rifugio Micheluzzi.

La val Duron

Statue in legno alla baita Lino Brach.

Mucche al pascolo ai piedi delle Dolomiti.

Il gran Vernel col cappello.

La val Duron.
Tieni traccia di tutti i tuoi itinerari con il nuovo "Passaporto dell'escursionista" by Volpi del Vajolet. Un vero e proprio diario con lo spazio dove poter annotare tutti i dati dell'escursione come dislivello, difficoltà lunghezza, data ecc... e lo spazio per i vari timbri dei rifugi creando un personale libro di escursionismo. Lo trovi QUI su Amazon:


    

Commenti

  1. Occhio che non è come descritto, dal parcheggio in paese, non salite oltre la fermata delle navette perché è vietato parcheggiare, c’è una prima rampa ripidissima, dopodiché non è vero che il sentiero diventa pianeggiante, anzi, prosegue per circa tre kilometri in costante salita, a tratti decisamente impegnativa. C’è un percorso alternativo che taglia nel bosco sulla sinistra in prossimità della Bsita Fraina ma anch’esso molto ripido con una serie di tornanti. Quest’ultimo risulta invece buono per la discesa.

    RispondiElimina

Posta un commento

Popular Posts