Rifugio Alpe di Tires: escursione dal Micheluzzi passando per il Sasso Piatto

 Rifugio Alpe di Tires: escursione dal Micheluzzi passando per il Sasso Piatto.

Il rifugio Alpe di Tires è raggiungibile con un'escursione ad anello in val di Fassa. Si parte dal rifugio Micheluzzi e si sale per la val Duron, continuando, infine, verso il rifugio Sasso Piatto.

Partenza: Rifugio Micheluzzi 1850 mt
Tipologia: anello
Dislivello: 800 D+
Lunghezza: 17.5 km
Quota massima: Rifugio Alpe di Tires 2440 mt
Tempi: 6 ore per l’anello
Segnaletica: ottima
Difficoltà: medio difficile, per la lunghezza
Punti d’appoggio: Rifugio Micheluzzi 1850 mt, Baita Lino Brach 1856 mt, rifugio Alpe di Tires 2440 mt, rifugio Sasso Piatto 2300 mt   
Cime percorse: nessuna
Segnavia: 532 – 4 – 594 – 533
Gruppo: Denti di Terrarossa, Sassolungo
Cartografia: Tabacco 1:25.000, foglio 06, Val di Fassa e Dolomiti Fassane
Periodo consigliato: estate
Adatto ai cani: si
Presenza d’acqua: no

INTRODUZIONE:

L’anello per il rifugio Alpe Tires, Sasso Piatto è un’escursione in val di Fassa davvero appagante. Un trekking ad anello tra il Catinaccio e il Sassolungo in val Duron.

Il rifugio Alpe di Tires non è facile da raggiungere. L’escursione è abbastanza lunga ed impegnativa. Tratti esposti e impervi però non ce ne sono. Nei 17.5 km con dislivello 800 D+ si percorrono principalmente strade forestali e ampi sentieri in cengia erbosa. Nulla di particolarmente difficile se non per la lunghezza totale dell’itinerario. La val Duron è uno degli angoli più suggestivi della val di Fassa e, in questo trekking, la si percorre per interno fino a portarsi ai piedi dei Denti di Terrarossa, al rifugio Alpe di Tires. In tutta la val Duron è presente un numero davvero elevato di marmotte che, oltre a vederle da vicino, il loro fischio accompagna tutta l’escursione. Tra Catinaccio e Sassolungo si percorrono sentieri nel verde degli alpeggi risalendo tutta la vallata per poi spingersi fino ai Denti di Terrarossa, dove si trova il moderno rifugio Alpe di Tires. Anche il ritorno è molto panoramico. Il percorso in quota lungo la cengia erbosa che porta al Sasso Piatto permette di vedere tutta la val Duron dall’alto, con uno sguardo anche verso l’Alpe di Siusi. Un’escursione ad anello molto piacevole da non lasciarsi scappare se ci si trova in val di Fassa.

Scopri la guida di riferimento ai rifugi della val di Fassa! Ti porta a scoprire le principali escursioni da fare in valle con lo spazio per il timbro del rifugio e la traccia gpx da scaricare!!  Tutto questo solo con "Alla scoperta dei rifugi della val di Fassa"!

La trovi su Amazon premendo l'immagine qui sotto!


RIFUGIO ALPE DI TIRES: ESCURSIONE IN DETTAGLIO.


Per fare l’anello rifugio Alpe di Tires Sasso Piatto si parte dal rifugio Micheluzzi in val Duron. Per raggiungerlo si prende il servizio jeep navetta che si trova a nord di Campitello di Fassa, verso la val Duron (2023, 10 euro a tratta a persona). Giunti a 1850 mt del rifugio Micheluzzi sono presenti subito i segnavia per il rifugio Alpe di Tires e, imboccato il sentiero 532, si inizia a risalire la val Duron, con una lieve pendenza, quasi impercettibile. Dopo mezz’oretta dalla partenza si passa anche per la Baita Lino Brach. Superata, si continua per la forestale fino a portarsi al termine della valle. Da qui inizia la salita al passo Duron, non particolarmente ripida che si sviluppa in diversi tornati di carrareccia tra verdi prati, tappezzati da rododendri, in fiore tra fine giugno e inizio luglio. Giunti al passo manca ancora un’oretta al rifugio Alpe di Tires. Si prosegue ora per il sentiero 4 e, sempre per forestale, ci si avvicina sempre più ai Denti di Terrarossa. Questa parte è più impegnativa. Con già diversi km alle spalle la salita si fa più ripida man mano che ci si avvicina al rifugio ma, una volta giunti al Passo Alpe di Tires, tutta la fatica viene ripagata. Subito dietro, a 2440 mt, si trova il rifugio Alpe di Tires. Dopo una doverosa pausa si scende nuovamente al passo Duron, per proseguire stavolta per il sentiero 594. Qui inizia un interminabile sentiero in cengia erbosa e con diversi saliscendi e km ci si porta al rifugio Sasso Piatto, a 2300 mt. Dal rifugio, infine, si scende a malga Sasso Piatto per poi intraprendere la ripida discesa del sentiero 533 che riporta in poco tempo al rifugio Micheluzzi.
 


TRACCIA GPX:

traccia gpx anello Alpe di Tires rifugio Sasso Piatto

(se non si riesce a scaricare, aprire il sito con un browser diverso da quello di Facebook, come Chrome)

VARIANTI:

Volendo, tornati al Micheluzzi, è possibile scendere a Campitello a piedi, aggiungendo all’escursione 4 km e 500 D- circa.


FOTO:

Gps 3d dell'escursione.

Gps dell'escursione, i colori indicano l'altimetria.

Grafico altimetrico.

Si parte dalla val Duron.

Il rifugio Micheluzzi.

innumerevoli marmotte.

Baita Lino Brach.

Si continua lungo tutta la val Duron.

Inizia la salita per il passo Duron.

90 escursioni e 175 rifugi delle Dolomiti da visitare, con le tracce GPX da scaricare direttamente dalla guida e lo spazio per il timbro del rifugio!!!  Tutto questo solo con i tre volumi di "Alla scoperta dei rifugi delle Dolomiti"!
Li trovi su Amazon a questi link diretti:

   
Verso Passo Duron.

Mucche al pascolo.

Passo Duron.

le pareti del Catinaccio.

il rifugio Alpe di Tires.

la lunga salita verso l'Alpe di Tires.

Da passo Dona si prosegue verso il Sasso Piatto.

La Val Duron dall'alto.

Verso la Marmolada.

Lo Scilliar.

Il rifugio Sasso Piatto.

Malga Sasso Piatto.

Malga Sasso Piatto.

 90 escursioni e 175 rifugi delle Dolomiti da visitare, con le tracce GPX da scaricare direttamente dalla guida e lo spazio per il timbro del rifugio!!!  Tutto questo solo con i tre volumi di "Alla scoperta dei rifugi delle Dolomiti"!

Li trovi su Amazon premendo l'immagine qui sotto!


Commenti

Popular Posts