Cassanego, Covolo, sentiero delle Piere Rosse, Castagner de la Madoneta, Sorgente Tre Busi

 Cassanego, Covolo, sentiero delle Piere Rosse, Castagner de la Madoneta, Sorgente Tre Busi.

Escursione ad anello ai piedi del Grappa. Da Cassanego si sale a Madonna del Covolo. Si continua per il sentiero delle Piere Rosse fino al Castagner de la Madoneta e il giardino Astego. Si rientra per la sorgente Tre Busi.

SCHEDA TECNICA:

Partenza: Cassanego 380 mt
Tipologia: anello
Dislivello: 400 D+
Lunghezza: 10.5 km  
Quota massima: Madonna del Covolo 570 mt
Tempi: 3 h scarse senza le pause
Segnaletica: molto scarsa
Difficoltà: facile
Punti d’appoggio: nessuno
Cime percorse: nessuna
Segnavia: Sentiero Piere Rosse    
Gruppo: Monte Grappa
Cartografia: Tabacco 1:25.000, foglio 51, Massiccio del Grappa, Bassano - Feltre
Periodo consigliato: Periodi invernali e autunnali viste le basse altitudini
Adatto ai cani: si
Presenza d’acqua: Sorgente Tre Busi e fontana al tempio della Madonna del Covolo
Cosa vedere: Madonna del Covolo, Castagner dea Madoneta, giardino Astego, Sorgente Tre Busi

INTRODUZIONE:

L’escursione ad anello che da Cassanego sale a Madonna del Covolo, per poi proseguire al Castagner della Madoneta lungo il sentiero delle Piere Rosse ed infine, concludersi per la sorgente Tre Busi, è un sentiero facile nel monte Grappa.

Questa facile escursione nel monte Grappa è un itinerario perfetto se si cerca una passeggiata in montagna da fare in inverno, non molto lontano da casa e che non sia particolarmente lunga. Perfetta anche in una giornata uggiosa per poter camminare e stare un po’ all’aria aperta se si cerca un escursione a bassa quota in Veneto.  La lunghezza totale del percorso è di 10 km abbondanti, con un dislivello complessivo di 400 mt, ben distribuito in un continuo saliscendi lungo tutto il percorso. Il sentiero si sviluppa principalmente in mezzo a boschi misti lungo strade forestali. Sebbene l’itinerario non sia particolarmente panoramico, visto le basse altitudini (anche se sono presenti diversi scorci verso la pianura) le cose da vedere sono molte. La prima cosa che si nota giungendo al santuario della Madonna del Covolo è una strana scritta formata da abeti verdi su bosco misto di latifoglie. Posta nel monte Frontale, proprio sopra il Santuario, la scritta che si legge è “W M” e cioè viva Maria. Il fatto curioso che genere spesso clamore è che questa scritta è stata fatta durante il ventennio fascista e, di conseguenza, interpretata da molti con un altro significato. Nonostante ci siano prove certe del significato originale, viva Maria, non si può negare che i simpatizzanti di un certo orientamento politico da condannare non ne abbiano approfittato per fini propagandistici. Dopo questa curiosa scritta visibile anche da molto lontano, si giunge al Santuario della Madonna del Covolo, costruito su progetto di Antonio Canova, la cui madre era originaria da Crespano. Le linee neoclassiche dell’oratorio si sposano perfettamente con il paesaggio e portano inconfondibilmente la sua firma. Successivamente si visita il Castager dela Madoneta, un bosco immenso di castagni, tra cui molti vecchi e secolari, dove si trova il giardino botanico Astego, chiuso però in inverno. Infine, si passa per la sorgente Tre Busi, una fontanella a tre bocche dove fuoriesce l’acqua del Grappa.  Proprio in questo luogo si crede che sia apparsa la madonna a una pastorella sordomuta. Durante un violento temporale, la pastorella sordomuta udì la voce della Madonna che la chiamò per ripararsi in un Covolo (grotta, antro). La leggenda vuole che la vergine Maria disse alla pastorella di correre in paese a dire a tutti di edificare un capitello proprio nel luogo dove si era riparata. Una camminata diversa dal solito, che porta a scoprire la storia, gli usi e costumi di questi luoghi alle pendici del monte Grappa. L’ultima nota riguarda la segnaletica, abbastanza scarsa se si vuole intraprendere proprio questo percorso ad anello. Consiglio di scaricare la traccia gpx.

 Disponibile su Amazon la mia nuova guida "Alla scoperta dei sentieri del monte Grappa".  Ti porta a scoprire 23 itinerari sul massiccio del monte Grappa, lungo i sentieri della Grande Guerra. Con tantissime foto del Grappa, cartine che indicano il percorso, descrizioni dettagliate e un approfondimento storico, non puoi lasciarti sfuggire questa bellissima guida!

SENTIERO DELLE PIERE ROSSE: ESCURSIONE IN DETTAGLIO.


Per fare quest’escursione si parte da Cassanego, piccolo borgo sulle pendici del Grappa, tra Borso del Grappa e Crespano del Grappa. Lasciata l’auto nella piazzetta principale, si prende la stradina di fianco al campanile che punta a nord e dopo un brevissimo tratto asfaltato ci si immette nel bosco, lungo un percorso su selciata. Si continua ora per strade forestali e dopo un bel tratto verso nord si continua verso est. Giunti nei pressi della Madonna del Covolo si ignorano le indicazioni per la sorgente Tre Busi e si sale al tempietto canoviano, raggiungendo il punto più alto dell’escursione, 570 mt. Si scende ora per la strada asfaltata che sale da Crespano fino ad incrociare sulla sinistra l’innesto del sentiero delle Piere Rosse. Lo si prende e ci si inoltra ora per uno splendido bosco di castagni fino a raggiungere il Castagner dela Madoneta e il giardino Astego. Da qui si scende per strada asfaltata fino ad incrociare il sentiero delle Piere Rosse di ritorno. Questo riporta alla strada asfaltata della Madonna del Covolo e qui, anziché risalire al tempio, si procede dritti, per raggiungere la sorgente Tre Busi. Si cammina ora lungo un singolare sentiero via crucis, formato da numerose palme in mezzo al bosco. Infine, si rientra verso Cassanego e anziché fare la stessa strada dell’andata si può optare per scendere lungo il sentiero Guadagnini.

 TRACCIA GPX:

traccia gpx Sentiero delle Piere Rosse.


Stai cercando un itinerario nelle Prealpi Venete?' E' uscito "Alla scoperta delle prealpi Venete" stupenda guida targata Volpi del Vajolet che ti porta a scoprire ben 30 itinerari che spaziano dal lago di Garda alla diga del Vajont passando per il monte Grappa, l'altopiano di Asiago e le prealpi trevigiane.


Acquistala subito su Amazon sul link qui sotto:

 

VARIANTI:

È possibile diminuire ulteriormente il percorso. Raggiunto il Santuario della Madonna del Covolo e scesi lungo la strada asfaltata, anziché prendere il sentiero delle Piere Rosso sulla sinista, si prende direttamente il sentiero per la sorgente Tre Busi, saltando la visita al castagner dela Madoneta.

Potrebbe interessarti:

FOTO:

Gps dell'escursione, i colori indicano l'altimetria.

Gps 3D.

Profilo altimetrico.

Cassanego.

inizio del percorso.

Si inizia su selciata.

si intravede Madonna del Covolo.

W Maria o W Mussolini?

Madonna del Covolo.

Sentiero delle Piere Rosse.

Sentiero delle Piere Rosse.

Al Castagner dela Madoneta.

giardino Astego.

antico castagno.

Sentiero delle Piere Rosse.

via Crucis verso la sorgente Tre Busi.

Il Covolo.

Sorgente Tre Busi.

Sorgente Tre Busi.

rientro per sentiero Guadagnini.

rientro per sentiero Guadagnini.

90 escursioni e 175 rifugi delle Dolomiti da visitare, con le tracce GPX da scaricare direttamente dalla guida e lo spazio per il timbro del rifugio!!!  Tutto questo solo con i tre volumi di "Alla scoperta dei rifugi delle Dolomiti"!
Li trovi su Amazon a questi link diretti:

   


Commenti

Popular Posts