Giro dei tre bivacchi, Loff, Vallonscuro e Costacurta, nelle prealpi trevigiane

Giro dei tre bivacchi, Loff, Vallonscuro e Costacurta, nelle prealpi trevigiane.


SCHEDA TECNICA:

Partenza: Passo San Boldo 709 metri
Tipologia: escursione ad anello
Dislivello: 600 metri
Quota massima: Cima Vallon Scuro 1286
Tempi: 4 ore per l’anello
Segnaletica: discreta
Difficoltà: media
Punti d’appoggio: nessuno
Gruppo: Prealpi Trevigiane
Cartografia: Tabacco 1:25.000, foglio 68, Prealpi Trevigiane e Bellunesi, M. Cesen Col Visentin

Ricordati di seguire la pagina facebook per rimanere sempre aggiornato sulle ultime escursioni e notizie premendo qui:--> volpi del vajolet

INTRODUZIONE:

Un giro davvero bello per godersi appieno le prealpi Trevigiane è compiere l’escursione ad anello passando per tre bivacchi, davvero suggestivi, che sono il bivacco dei Loff, la Casera Vallon Scuro e la casera Costacurta, restaurata di recente. Oltre ai bivacchi, si passa anche sulla cima Vallon Scuro, detta anche “La Pala”, dove il panorama che si può ammirare è superlativo. Si riesce a vedere, a nord, tutta la val Belluna, la dorsale Coppolo-Pelf e alcune tra le principali vette Dolomitiche e a sud il mare con la laguna di Venezia. Un'altra peculiarità di quest’escursione è che si passa dal caratteristico Passo San Boldo. Il Passo è famoso per le sue gallerie scavate nei tornanti dagli austriaci durante la prima Guerra Mondiale. L'opera fu fatta in tempi brevi, in quanto gli austriaci avevano capito l'importanza strategica di questo valico, tanto che viene definita anche come la Strada dei Cento Giorni. 



L’ESCURSIONE IN DETTAGLIO:

Si parte appunto dal passo San Boldo, raggiungibile da Cison di Valmarino nel trevigiano o da Trichiana nel bellunese. L’attacco del sentiero per quest’escursione è sulla stradina asfaltata di fianco alla locanda Laris. Il sentiero è sempre ben segnato con i cartelli. La stradina che prima è asfaltata e poi cementata sale abbastanza ripida e si raggiungono gli 850 metri abbastanza velocemente. Raggiungendo quota la stradina si fa sterrata e diventa un sentiero sviluppandosi in mezzo al bosco fino a raggiungere i 1100 metri dove da qui il sentiero si apre con vedute spettacolari sul paese di Cison di Valmarino e le Prealpi Trevigiane. Il sentiero adesso è meno ripido e molto più panoramico e, camminando sempre sul versante sud della montagna, si raggiunge il Bivacco dei Loff a una quota di 1140 metri s.l.m. Dopo una sosta obbligata in questo suggestivo posto ci si incammina verso la cima Vallonscuro. Dal bivacco si prosegue dritti e si comincia a salire per il sentiero che sembra a forma di “M” fino a raggiungere una forcella. a sinistra si va a Cima Vallon Scuro e a destra sul Crodon del Gevero. Si procede a sinistra salendo in cima al Vallon Scuro a 1286 metri s.l.m. : un punto davvero panoramico. Da qui infatti si apre il panorama a nord su tutta la Val Belluna. con le montagne che partono da più a ovest con il Massiccio del Monte Grappa e il Cesen, dalle Vette Feltrine con il Monte Pavione, dalle Pale di San Martino dove si nota con facilità il monte Agner, Il Civetta, i Monti del Sole, La Schiara, Il Col Nudo e più verso est il Col Visentin. Una cosa curiosa che si può notare è che si vede il Piave sia verso Nord che scende dalla Val Belluna sia verso Sud che arriva al mare sulla pianura Padana. Una volta giunti sulla cima si scende dalla parte opposta dove si è saliti fino a raggiungere forcella Foran a 1130 metri circa. Qui le indicazioni sono meno evidenti, si deve proseguire a destra, verso nord, inoltrandosi nel bosco; C’è solo un indicazioni che segna il sentiero da seguire, il numero 2. Camminando dentro il bosco si fa ancora un po’ di salita prendendo quota fino a raggiungere La casera Vallon Scuro. Da qui si procede seguendo le indicazioni per la casera Costacurta fino ad arrivare ad un incrocio che purtroppo non ci sono indicazioni. In quest’incrocio, da una parte porta di nuovo al bivacco dei Loff, da una parte riporta al Passo San Boldo e da un’altra porta alla casera Costacurta. Qui bisogna tenere la sinistra. Qui si prosegue ancora in mezzo al bosco fino a raggiungere la splendida Casera Costacurta, restaurata di recente. Infine per tornare al passo si prosegue sempre per il sentiero percorso fino a raggiungere il punto iniziale.




VARIANTI:

Cison di Val Marino e la zona del bivacco dei Loff è un vero polo per gli amanti dell’escursionismo. Se si dà un’occhiata alla Cartina si possono notare innumerevoli sentieri che salgono e si incrociano in queste montagne creando davvero delle belle escursioni.

Ricordati di seguire la pagina facebook per rimanere sempre aggiornato sulle ultime escursioni e notizie premendo qui:--> volpi del vajolet

POTREBBE INTERESSARTI:


FOTO:


Il caratteristico Passo San boldo.

Nei pressi del Passo San Boldo

Cima Vallonscuro a sinistra e Crodon del Gevero a destra.

Panorama su Cison di Valmarino.

Il Bivacco dei Loff.

Sentiero che sale a cima Vallonscuro.

Croce di Cima Vallonscuro.

Le pareti del Crodon del Gevero.

Il Col del Moi

Panorama sulla val Belluna.

Scendendo a forcella Foran.

Casera Vallonscuro.

Per il sentiero alla casera Costacurta.

Casera Costacurta.
 FOTO PANORAMICHE:


Panoramica da cima Vallonscuro.








Commenti

  1. Ma avete una traccia gpx per orientarsi meglio?? Perché non conosco la zona

    RispondiElimina

Posta un commento

Post più popolari