Giro del Sass de Putia: escursione dal passo delle Erbe

 Giro del Sass de Putia: escursione dal passo delle Erbe.

Il giro del Sass de Putia, o Roda de Putia, è un'escursione ad anello tra l'Alta Badia e la val di Funes. Uno dei trekking più belle delle Dolomiti che parte da Passo delle Erbe lungo un sentiero entusiasmante.

Partenza: Passo delle Erbe 2008 mt
Tipologia: anello
Dislivello: 600 D+  
Lunghezza: 13 km
Quota massima: Forcella de Putia 2362 mt
Tempi: 5 ore senza pause
Segnaletica: ottima
Difficoltà: media
Punti d’appoggio: Malga Fornella 2067 mt, Riufigio Vaciara 2118 mt, rifugio Goma 2030 mt
Cime percorse: nessuna
Segnavia: 8A – 4 – 4B – 35 – 8B          
Gruppo: Sass de Putia
Cartografia: Tabacco 1:25.000, foglio 07, Alta Badia – Arabba – Marmolada
Periodo consigliato: estate
Adatto ai cani: si, (tratti leggermente esposti)
Presenza d’acqua: Fontanelle in alcune malghe
Cosa vedere: I verdi ed immensi pascoli attorno al Sass de Putia

INTRODUZIONE:

Il giro del Sass de Putia, o Roda de Putia, è una bellissima escursione da fare tra le Dolomiti della val di Funes e l’Alta Badia. 

L’escursione attorno al Sass de Putia è un trekking di media difficoltà. Si percorrono 13 km facendo 600 mt di dislivello positivo. Compiendo il giro in senso antiorario, la parte più tecnica e complicata è la prima. Superata malga Fornella è presente un tratto leggermente esposto che conduce al canalone che sale a forcella Putia. Inoltre, la salita lungo il canalone che conduce a forcella Putia è davvero ripida. La maggior parte del dislivello si concentra in questa parte. L’orientamento di questa escursione è banale dato che bisogna girare attorno ad una montagna, nonostante ciò, sono presenti numerosi cartelli che indicano la direzione da seguire. La parte dominante che caratterizza quest’itinerario sono gli splendidi alpeggi del Sass de Putia. Superata forcella Putia, si scende in verdissimi prati tenuti a regola d’arte con malghette disseminate lungo tutto il territorio, un ambiente davvero idilliaco che ricorda i prati del Fuciade o di Seceda. Come il giro del Sassolungo, il girodel Sasso Piatto o l’anello del Settsass, girare attorno a una vetta delle Dolomiti consente di ammirare un paesaggio sublime. Fin da subito si nota l’icredibile piramide del Sass de Putia, formata da due pinnacoli principalmente. Il piccolo Putia e il Sass de Putia. Salendo a Forcella Putia si può ammirare il gruppo delle Odle e, dopo aver valicato il passo, si apre il panorama sul gruppo del Puez, l’anfiteatro di Santa Croce, Lavarella, Conturines, Ciaval, Sasso delle Nove e delle Dieci e su tutta l’Alta Badia. Continuando a girare si notano la Croda Rossa d’Ampezzo, la Muntjella de Sennes e il Piz da Peres. Senza dimenticare la vista verso il Falzarego, con il Lagazuoi, Sass de Stria, Settsass e Civetta. L’escursione che porta a fare la Roda de Putia è senz’altro una delle escursioni più belle delle Dolomiti che porta a combinare guglie vertiginose con tondeggianti pascoli dove la verticalità della natura incontra la blanda mano dell’uomo creando una cornice davvero unica ed appagante alla vista.  

 Scopri le Dolomiti con le guide "Alla scoperta dei rifugi delle Dolomiti" con possibilità di inserire il timbro del rifugio!!!  Volume 1 e 2


Acquistala subito su Amazon sul link qui sotto:


  

L’ESCURSIONE IN DETTAGLIO ALLA RODA DE PUTIA:


Per fare il giro del Sass de Putia si parte dal passo delle Erbe a 2008, raggiungibile da San Martino in Badia o da San Pietro in val di Funes. Lasciata l’auto al parcheggio a pagamento (5 euro 2022) ci si incammina per l’ampia forestale che porta a malga Fornella, ai piedi delle verticali pareti del Putia. Raggiunta si procede in senso antiorario, e cioè verso destra. Conviene fare il giro in questo senso in modo da affrontare la parte più ripida ed esposta ad inizio escursione, quando ancora si è freschi e pieni di energie. Dunque, svoltato a destra si continua lungo carrareccia fino a quando la strada finisce e il sentiero diventa classico sentiero di montagna. Superato questo primo tratto il sentiero si fa più esposto, lasciando sulla destra un bello strapiombo. L’esposizione continua fino a quando si giunge alla base del canalone che sale a Forcella de Putia. Ora il sentiero si inerpica verticalmente e, meno esposto, fa guadagnare quota molto velocemente. Dopo un’ora e mezza dalla partenza e aver superato il canalone si arriva a forcella Putia a 2362 mt, punto più alto dell’escursione. Ora si scende verso i verdi prati, sempre ripidamente, ma lungo larghi sentieri privi di pericoli. Superata la ripida discesa ci si trova in mezzo ad un verde alpeggio, e procedendo in falsopiano, si può ammirare le innumerevoli malghette disseminate nel territorio che rendono l’ambiente una cornice confortevole. Superata la metà del percorso si giunge anche al rifugio Vaciara, punto ristoro dell’escursione. Da qui, bisogna ancora salire, molto più brevemente e meno ripidamente rispetto a prima, per raggiungere il passo Goma a 2100 mt. Superato il passo si torna nel versante nord della montagna e con diversi saliscendi ci si porta nei pressi del rifugio Goma, 2030 mt. Ormai il giro è finito, e da quest’ultimo rifugio manca davvero poco per ritornare a malga Fornella e successivamente al passo delle Erbe, dopo 5 ore di cammino e 13 km.

 

Tieni traccia di tutti i tuoi itinerari con il nuovo "Passaporto dell'escursionista" by Volpi del Vajolet. Un vero e proprio diario con lo spazio dove poter annotare tutti i dati dell'escursione come dislivello, difficoltà lunghezza, data ecc... e lo spazio per i vari timbri dei rifugi creando un personale libro di escursionismo. Lo trovi QUI su Amazon:


 VARIANTI:

Raggiunto il passo de Putia è possibile salire o al Piccolo Putia o al Sass de Putia, aggiungendo all’escursione 300 D+ e 2.5 ore tra andata e ritorno. Il Piccolo Putia, facendo attenzione, può essere raggiunto anche dai cani, mentre sul Sass de Putia sono presenti alcune roccette che il cane non riesce a superare.

TRACCIA GPX:


FOTO:

Gpx 3d dell'escursione.

Gps dell'escursione, i colori indicano l'altimetria.

Profilo altimetrico.

Passo delle Erbe.

si inizia per ampia forestale.

malga Fornella e gli Yach.

Si continua lungo carrareccia.

lungo il sentiero.

si procede per il tratto esposto.

si procede per il tratto esposto.

indicazioni.

si comincia a salire per forcella Putia.

il canalone da risalire.

il canalone appena risalito.

si scende ai verdi pascoli.

Forcella de Putia.

infiniti alpeggi.

Gli alpeggi al Sass de Putia.

Gli alpeggi al Sass de Putia.

Gli alpeggi al Sass de Putia.

Il Sass de Putia.

Ucia Vaciara.

Verso Santa Croce, si vede la chiesetta.

l'anfiteatro delle Dolomiti dell'Alta Badia.

si risale a passo Goma.

Gli alpeggi al Sass de Putia.

Rifugio Goma.

Il Sass de Putia.

Malga Fornella.

Malga Fornella.

PIANIFICA LE TUE ESCURSIONI IN MONTAGNE CON LE GUIDE VOLPI DEL VAJOLET, QUI TUTTI I LINK PER ACQUISTARLE SU AMAZON:

       

 

Commenti

Popular Posts