Cismon, Col dei Prai, Val Goccia

 Anello Cismon del Grappa, Col dei Prai , Val Goccia.

Da Cismon del Grappa si sale al Capitel. Si devia per Casere Costa raggiungendo Col de Prai per sentiero 910. Si continua lungo strada asfaltata e sterrata per scendere alla val Goccia per la Val Lavello, segnavia 913. Si rientra al Capitel e Cismon per sentiero 920.

Partenza: Cismon del Grappa 200 mt
Tipologia: anello
Dislivello: 800 D+
Lunghezza: 10 km
Quota massima: lungo il sentiero, dopo Casere Costa, 1000 mt
Tempi: 4 ore per l’anello
Segnaletica: buona
Difficoltà: Medio – difficile, molto ripido il primo tratto
Punti d’appoggio: nessuno
Cime percorse: nessuna
Segnavia: 910 – 913 – 920  
Gruppo: Massiccio del Monte Grappa
Cartografia: Tabacco 1:25.000, foglio 51, Massiccio del Monte Grappa, Bassano, Feltre
Periodo consigliato: tutto l’anno
Adatto ai cani: si
Presenza d’acqua: Fontanella a Cismon

Stai cercando un itinerario nelle Prealpi Venete?' E' uscito "Alla scoperta delle prealpi Venete" stupenda guida targata Volpi del Vajolet che ti porta a scoprire ben 30 itinerari che spaziano dal lago di Garda alla diga del Vajont passando per il monte Grappa, l'altopiano di Asiago e le prealpi trevigiane.

Acquistala subito su Amazon sul link qui sotto:

INTRODUZIONE:

Una bella escursione da fare in val Brenta, sul versante del monte Grappa, è l’anello Cismon del Grappa, Col dei Prai e Val Goccia. L’itinerario è abbastanza breve, 10 km, ma l’escursione è un po’ impegnativa a causa del primo tratto molto ripido che porta a Casere Costa, dove si concentra la maggior parte del dislivello. L’unicità del percorso è data dal fatto che si percorre una scalinata selciata, molto antica, e simile al vicino e più famoso percorso della Calà del Sasso e i 4444 scalini. Questo percorso pare fosse utilizzato anche in epoca romana, e lungo il tragitto, sono presente delle tombe di epoca longobarda. Per la storia più recente, quest’itinerario fu utilizzato dagli austro-ungarici per portare viveri e munizioni sul fronte del Grappa utilizzando la comoda ferrovia che da Trento portava a Cismon. Sempre da qui gli austriaci pompavano l’acqua del Brenta in Grappa stoccandola in diverse vasche in loco. Una delle caratteristiche del Grappa è che è un territorio carsico e in alta montagna la zona è priva di sorgenti d’acqua. Infine, questa mulattiera fu anche usata per evacuare, in fretta e furia, la zona del Grappa (monte Pertica e Asolone) verso la fine della guerra dopo la capitolazione dell’esercito del Kaiser. Lungo il percorso, infine, si può godere di un bel panorama sulla Val Brenta e sulla Valsugana. Si nota con facilità l’abitato di Enego e il lago del Corlo da Col dei Prai. La partenza di quest’itinerario è possibile raggiungerla anche in treno dato che parte vicino alla stazione di Cismon.

L’ESCURSIONE IN DETTAGLIO:

Raggiunto il paese di Cismon del Grappa, lungo la strada Valsugana, in val Brenta, ci si dirige verso il centro e si può parcheggiare nella piccola piazzetta principale dov’è presente anche una fontana. Se non si trova parcheggio è possibile lasciare l’auto nella vicina stazione dei treni. Dalla piazzetta del municipio sono presenti le prime indicazioni del percorso che si inoltra sotto un porticato di una casa. Si comincia a salire subito ripidamente lungo la scalinata selciata, segnavia 920. Durante i mesi freddi, in assenza di foglie, da questo punto è possibile notare la Gusela di Cismon, guglia inconfondibile che si vede anche lungo la strada Valsugana. Si prosegue sempre in salita e in mezz’ora abbondante si raggiunge un antico capitello. Qui è presente un bivio e ci si dirige a sinistra con direzione Casere Coste. Qui il sentiero 910 appena imboccato risulta essere ancora ripido e dopo innumerevoli tornanti si sbuca nei verdi prati di Col dei Prai a Casere Costa, 900 mt s.l.m. (1h e 30 dalla partenza) Dopo aver ammirato il panorama si continua lungo la strada asfaltata, in leggera salita, trascurando le indicazioni che porterebbero al Forcelletto. Si continua a salire fino a raggiungere il punto massimo per questa escursione e in leggera discesa si giunge a un bivio con una strada sterrata. Si mantiene la destra e si percorre la carrareccia pianeggiate fino ad imbattersi nelle indicazioni per Cismon che tagliano il sentiero per la Val Lavello. Si scende ora ripidamente fino a recuperare il sentiero che dalla val Goccia porta al Forcelletto. Si continua verso sud in falsopiano per ritornare al Capitello chiudendo l’anello. Da qui, in poco tempo, si rientra a Cismon.

VARIANTI:

Da Casere Costa è possibile allungare il percorso e raggiungere il Forcelletto. Il rientro avviene sempre lungo la val Goccia. Questa variante comporta 1200 metri di dislivello per una lunghezza di 19 km totali.

POTREBBE INTERESSARTI:

Le trincee del Col Campeggia. Facile


Acquista le guide targate Volpi del Vajolet direttamente su Amazon a questi link diretti e scopri i rifugi e le camminate più belle tra Dolomiti e Veneto, tra storia e natura!

     

 FOTO:

Gps 3d dell'itinerario

Gps dell'escursione.

altimetria.

indicazioni dal centro di Cismon.

prime indicazioni.

la selciata.

si sale.

lungo il sentiero.

lungo il sentiero.

Il "Capitel".

lungo il sentiero.

verso la Val Brenta.

Tombe longobarde.

Col dei Prai.

Casere Costa.

Verso il lago del Corlo.

verso Enego.

verso le Vette Feltrine.

Col dei Prai.

Canyon della val Brenta.

indicazioni.

indicazioni.

Scendendo a Cismon.

Scendendo a Cismon.

Scendendo a Cismon.

Scendendo a Cismon.

Seguimi su www.instagram.com/luca_matt

il "Capitel".

Scendendo a Cismon.

POTREBBE INTERESSARTI:

Le trincee del Col Campeggia. Facile


Acquista le guide targate Volpi del Vajolet direttamente su Amazon a questi link diretti e scopri i rifugi e le camminate più belle tra Dolomiti e Veneto, tra storia e natura!

     

Commenti

Post più popolari