5 Facili passeggiate da fare in val di Fassa!

 5 Facili passeggiate da fare in val di Fassa!



La val di Fassa è una delle valli principali delle Dolomiti in Trentino. È circondata tra i più bei gruppi delle Dolomiti, quali la Marmolada, il Sella, il Sassolungo e il Catinaccio e, a pochi chilometri da essa, se ne trovano altrettanti come le Pale di San Martino o il Latemar. Una delle peculiarità di questa valle è che, nonostante sia un territorio molto vasto, è tutto molto facile da raggiungere. In soli 20 km che dividono Penìa, il paese più a nord, con Moena, il paese più a sud, si trovano un’infinità di itinerari da percorrere di ogni difficoltà e genere, dalla semplice passeggiata, a itinerari escursionistici, alle vie ferrate e all’arrampicata. Ecco in questo post 5 facili passeggiate che si possono fare in questa splendida valle:

NUOVA EDIZIONE per la mia guida "Alla scoperta dei rifugi delle Dolomiti" scoprila QUI su Amazon




1) Rifugio Pertini e Sasso Piatto.

Una delle escursioni più classiche che si possono fare in val di Fassa, molto facile, è percorre un tratto del giro del Sasso Piatto, più precisamente dal Col Rodella al rifugio Sasso Piatto, una tappa obbligata se si passa per questa bellissima valle. Il sentiero, seppur facile (il dislivello tra saliscendi è di circa 200 metri), è molto entusiasmante, il panorama che si gode è fenomenale e il Col Rodella è sicuramente uno dei punti più panoramici della Val di Fassa. I gruppi montuosi che si possono ammirare sono in primis il Sassolungo dove sono facilmente riconoscibili le 5 dita, poi si può ammirare il gruppo del Sella, la Marmolada il Catinaccio e infine si può vedere tutta la vallata dall’alto.

2) Viel del Pan

Un interessante escursione per nulla impegnativa che si può fare in Val di Fassa è senz'altro percorrere il Viel del Pan, un spettacolare sentiero in cresta di montagna dove la protagonista principale è la regina delle Dolomiti: la Marmolada! La Marmolada con i suoi 3343 metri di punta Penìa è la vetta più alta delle Dolomiti che però, a differenza delle sue colleghe, non è composta da dolomia, bensì per lo più da calcari grigi molto compatti derivati da scogliere coralline, con inserti di materiale vulcanico. La cosa più spettacolare comunque rimane il suo immenso ghiacciaio, il più grande delle Dolomiti, anche se, man mano che passano le stagioni, con il riscaldamento globale si sta riducendo a vista d’occhio.

Per maggiori info: Viel del Pan

3) Rifugio Fuciade

Se si sta cercando un’escursione davvero facile, adatta a tutti, compresi i bambini, o semplicemente si cerca una giornata per rilassarsi e godersi il panorama, il rifugio Fuciade è la meta più azzeccata.
Circondata dalla catena del Costabella, la conca del Fuciade offre davvero una fotografia da cartolina: i tabià, le antiche casette in legno situate nei verdi pascoli, che d’inverno diventano distese di neve, rendono il paesaggio confortevole alla vista. Inoltre, oltre a tutto ciò, si pussono ammirare di fronte al rifugio le Pale di San Martino, con visibili l’Agner, il gruppo del Focobon e il Mulaz.

Per maggiori info: rifugio Fuciade


4) Rifugio Contrin 

Una tappa quasi obbligatoria quando si va in val di Fassa è salire al rifugio Contrin percorrendo la bellissima vallata del Contrin. Quest’escursione è relativamente facile, il dislivello è di 500 metri e il sentiero è privo di pericoli ed esposizioni, adatto per famiglie con bambini. Molti vacanzieri che alloggiano in questa valle amano fare quest’escursione a inizio vacanza per cominciare a fare un po’ di gamba e ambientarsi un po’ al clima alpino oppure a fine vacanza per prendersi i buonissimi formaggi in vendita allo spaccio a malga Contrin. Durante l’itinerario, oltre ad essere una bellissima camminata in mezzo ai boschi, ci si imbatte sicuramente in mucche al pascolo, ideale per i bambini.

Per maggiori info: rifugio Contrin

5) Rifugio Gardeccia

Una facile camminata in mezzo al bosco che può fare chiunque è raggiungere il rifugio Gardeccia dall’arrivo della funivia che sale da Vigo di Fassa al CiampedieIl dislivello per quest’itinerario è praticamente nullo e proprio per questo motivo l’escursione è adatta a tutti. Nonostante la facilità dell’itinerario il panorama che si può ammirare durante questa escursione è davvero fantastico, si è infatti alle porte del Catinaccio. 

Per maggiori info: rifugio Gardeccia.


Potrebbe interessarti: 

Tieni traccia di tutti i tuoi itinerari con il nuovo "Passaporto dell'escursionista" by Volpi del Vajolet. Un vero e proprio diario con lo spazio dove poter annotare tutti i dati dell'escursione come dislivello, difficoltà lunghezza, data ecc... e lo spazio per i vari timbri dei rifugi creando un personale libro di escursionismo. Lo trovi QUI su Amazon:


Commenti

Post più popolari