Dismoni da Siror: escursione alla chiesetta di San Valentino

 Dismoni da Siror: escursione alla chiesetta di San Valentino

L'escursione che porta a Dismoni e alla chiesetta di San Valentino da Siror è uno splendido trekking da fare sulla valle del Primiero con vista sulle Dolomiti delle Pale di San Martino.

Partenza: Siror 750 mt, Primiero
Tipologia: anello
Dislivello: 500 D+  
Lunghezza: 9 km  
Quota massima: Dismoni 1250 mt
Tempi: 3 h per l’anello
Segnaletica: ottima
Difficoltà: medio facile
Punti d’appoggio: Dismoni 1250 mt (aperto solo d’estate)
Cime percorse: nessuna
Segnavia: 377
Gruppo: Pale di San Martino
Cartografia: Tabacco 1:25.000, foglio 22, Pale di San Martino
Periodo consigliato: tutto l’anno
Adatto ai cani: si
Presenza d’acqua: si, fontanella ai Dismoni aperta solo d’estate
Cosa vedere: Chiesetta di San Valentino e le Dolomiti delle Pale di San Martino


INTRODUZIONE:

Raggiungere i Dismoni da Siror è una bella escursione da fare nel Primiero, al cospetto delle Pale di San Martino in Trentino. Passeggiata lungo un sentiero che porta anche alla caratteristica chiesetta di San Valentino, dove da qui si gode un bellissimo panorama sulle Dolomiti.

Questo trekking che da Siror porta ai Dismoni e alla chiesetta di San Valentino è un’escursione ad anello medio facile. Il dislivello non è molto, 500 D+, e lo sviluppo non eccessivo, 9 km. Si percorrono strada forestali, mulattiere e selciate e, in alcuni punti, si trovano delle rampe abbastante ripide che possono affaticare. Quest’itinerario tra le Pale di San Martino e i Lagorai, è un’escursione poco frequentata che si può fare in ogni stagione, sia d’estate, immersa nei freschi boschi, sia in autunno – inverno, con il foliage dei larici tra le Pale. Lungo tutto il tragitto si passa per numerose baite con vista mozzafiato, davvero suggestive, che regalano al percorso una piacevole cornice. Il punto forte di questa camminata è sicuramente il panorama, dove raggiunge il massimo splendore una volta raggiunta la località Dismoni. I prati Dismoni, dov’è presente un bar ristorante con lo stesso nome (aperto d’estate), è una terrazza verde sulle Pale di San Martino, un vero e proprio balcone panoramico. Da esso si notano con facilità il Cimon della Pala, cima Rosetta, la Pala di San Martino, la cima del Velo e molte altre. Subito sotto si vede tutta la val Cismon con San Martino di Castrozza e passo Rolle. Infine, per il ritorno si ha un bellissimo panorama sul Sass de Mura e il Piz de Sagron, le Vette Feltrine con il monte Pavione, e una splendida vista su Fiera di Primiero e tutta la valle del Primiero. Ultima perla è la chiesetta di San Valentino, davvero caratteristica, con una splendida meridiana che scandisce l’ora. Una escursione davvero piacevole, da non perdere se ci si trova in zona.

Qui trovi "Alla scoperta dei rifugi delle Pale di San Martino"! Guida escursionistica che ti porta a conoscere i rifugi delle Pale, le principali escursioni da fare e i luoghi più belli da vedere nel gruppo più vasto delle Dolomiti. Perfetta sia per chi soggiorna un periodo in questa zona, sia per chi vuole iniziare a conoscere questi luoghi con escursioni sia facili sia impegnative. 

Acquistala subito su Amazon sul link qui sotto:

DISMONI DA SIROR: ESCURSIONE IN DETTAGLIO.


Per raggiungere i Dismoni e la chiesetta di San Valentino si parte da Siror, paese subito dopo Fiera di Primiero, in Trentino. Più precisamente il punto d’inizio si trova superato il paese, subito prima del ponte della strada che sale a San Martino di Castrozza. Qui sulla destra è presente una stradina che porta alla palestra di Siror dove si può parcheggiare. Lasciata l’auto, si prende il sentiero “Nettare di Vita” che prosegue lungo la ciclabile che da Fiera di Primiero sale a San Martino di Castrozza. Si prosegue per strada asfaltata e superato un ponte sul torrente Cismon, è presente una selciata che sale ripidissima in mezzo al bosco. Qui è presente un vecchio cartello che indica “Dismoni”. Superato questo primo ripido tratto si raggiunge la statale che sale a San Martino e, una volta attraversata, si prende il sentiero 377. Qui per strade forestali si continua a salire con costanza alternato a tratti nel bosco a radure dove si trovano splendide baite, fino a raggiungere i prati Dismoni a 1250 mt. Dopo la pausa di rito si prosegue verso sud, raggiungendo la parte alta dei Dismoni dov’è presente la chiesetta di San Valentino. Da qui si prosegue lungo il sentiero seguendo la segnaletica per Siror e dopo un bel tratto panoramico verso il Primiero, su stradina asfaltata, si prende un sentiero che scende ripido nel bosco che riporta a Siror, completando così quest’escursione ad anello. 

Grande novità!! Terzo Volume di "Alla scoperta dei rifugi delle Dolomiti". Da questo volume è possibile scaricare le tracce GPX  direttamente dalla guida!! Oltre allo spazio per il timbro del rifugio è presente anche una cartina esplicativa del percorso. Scoprilo su Amazon a questo link:


VARIANTI:

D’estate i Dismoni sono raggiungibili anche in auto, e possono essere un punto iniziale per una bella passeggiata, come la salita al lago di Calaita.

 POTREBBE INTERESSARTI


SEGUIMI SUI SOCIAL A QUESTI LINK

 

FOTO:

GPS 3d dell'escursione.

GPS dell'escursione.

Profilo altimetrico.

si inizia per la ciclabile.

il torrente Cismon.


Verso le Vette Feltrine.

Si attraversa il torrente.

si inizia a salire.

attraverso baite di montagna.

splendide Baite.

lungo il sentiero.

lungo il sentiero.

Le Pale di San Martino.

cima Rosetta.

Le Pale di San Martino.

Ormai giunti ai Dismoni.

San Martino di Castrozza.

ristorante Dismoni.

Seguimi su www.instagram.com/luca_matt per non perderti le mie ultime escursioni.

Chiesetta di San Valentino.

Piz de Sagron e Sass de Mura.

si scende a Siror.

Verso la vallata del Primiero.

PIANIFICA LE TUE ESCURSIONI IN MONTAGNE CON LE GUIDE VOLPI DEL VAJOLET, QUI TUTTI I LINK PER ACQUISTARLE SU AMAZON:

       

Commenti

Popular Posts